rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Elezioni Politiche 2018

Elezioni, per il rush finale il Pd deve "calare" la carta Gentiloni

Negli ultimi mesi il consenso del premier è superiore a quello di tutti gli altri leader in campo. E Renzi lo sa molto bene. Ma nei palazzi romani "gira la voce" che Mattarella intenda preservare la carta-Gentiloni per un eventuale post-voto senza vincitori

"Il clima sta cambiando, c'è tanta voglia di serietà in questo Paese. È proprio per questo che il PD sarà il primo gruppo parlamentare, il primo partito. Avanti". Lo ha scritto su Fb il segretario del Pd Matteo Renzi, pubblicando una foto che lo ritrae insieme al premier Paolo Gentiloni.

Sempre più commentatori politici sono concordi: se vuole farcela, nel rush elettorale il Pd deve calare la carta del premier. 

La carta Gentiloni per il rush finale

Negli ultimi mesi il consenso del premier è superiore a quello di tutti gli altri leader in campo per il voto del 4 marzo. Gentiloni gode di un apprezzamento che va al di là delle tifoserie politiche.

Su "Tajani premier" traballa l'asse Salvini-Berlusconi 

Fare giocare a Gentiloni un ruolo da protagonista nella campagna elettorale è però anche un rischio, come scrive su Democratica Mario Lavia. 

Dubbi sul post-4 marzo

Nei palazzi romani "gira la voce" che Sergio Mattarella intenda preservare la carta-Gentiloni per un eventuale "dopo 4 marzo" senza vincitori. Non sarebbe quindi consigliabile per il premier esporsi eccessivamente in una campagna come quella attuale, dove i toni sono duri come mai in passato.

"Gentiloni e Renzi sono complementari – dice al giornale del Pd Roberto Giachetti – il successo di Paolo lo si deve anche al fatto che lui non è entrato mai in contraddizione con Renzi ma ha tranquillizzato il Paese dopo l’obiettivo, necessario, stress che al Paese aveva imposto Matteo. Lo conosco da 25 anni – dice Giachetti – Paolo è un uomo di una razionalità incredibile. Quando ero capo di gabinetto di Rutelli periodicamente scrivevo una lettera di dimissioni, andavo da Paolo e lui ogni volta mi convinceva a ritirarla… È questa razionalità che gli dà quella calma che sembra ‘camomilla'”.

A Bologna con Prodi 

Gentiloni intanto, ieri a Bologna insieme a Prodi, rilancia lo spirito dell'Ulivo. "Abbiamo lavorato per una sinistra e un centrosinistra di governo" quindi "non ci accontentiamo delle nostra biografie". Dobbiamo rilanciare lo spirito dell'Ulivo perché "quegli slogan" di vent'anni fa "sono tuttora il tessuto della coalizione del centrosinistra a guida Pd che oggi si presenta alle elezioni".

I volti e le storie dei migranti negli spazi elettorali, la provocazione: "Vota per me"

Il presidente del Consiglio ha elogiato la "generosità di Romano Prodi" che ha dimostrato con la sua presenza. "La partecipazione mia e di Romano a questa iniziativa di Insieme credo che sia molto importante". "Abbiamo vinto due volte con Romano - ha proseguito Gentiloni nel suo intervento -, non sempre riusciamo a vincere. Negli ultimi anni di Prodi mi ha sempre colpito per questa sua straordinaria capacità di tenere insieme radici del territorio e una visione globale". "Al di là" dei ricordi "delle bella stagione - ha concluso il premier - Prodi è un leader che può dare a tutti noi ispirazione".

Elezioni 2018

Come si vota, i candidatii sondaggii programmi

Elezioni politiche | Elezioni Lazio | Elezioni Lombardia

Tutti gli articoli dello speciale elezioni

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, per il rush finale il Pd deve "calare" la carta Gentiloni

Today è in caricamento