Sabato, 31 Luglio 2021
Chi si rivede

Il ritorno di Elsa Fornero: cosa farà (gratis) per il governo Draghi

Nel 2011 l'economista era stata chiamata da Mario Monti incaricato di formare un governo tecnico d'emergenza. Ora avrà un ruolo di consulenza. La Lega insorge: "Non siamo tranquilli, il ministro Orlando spieghi il suo ruolo"

Elsa Fornero partecipa al Forum Ambrosetti di Cernobbio, 05 settembre 2020. ANSA/MARCO OTTICO

Dopo dieci anni e con il ritorno dei "tecnici" a Palazzo Chigi, riecco Elsa Fornero. Da ministra del Lavoro del governo presieduto da Mario Monti nel 2011, questa volta sarà consulente per il governo Draghi nel Consiglio d'indirizzo per la politica economica istituito dieci giorni fa dal sottosegretario con delega alla Programmazione, Bruno Tabacci. Nel dettaglio, il Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica, su delega di Mario Draghi, ha istituito il Consiglio d'indirizzo per l'attività programmatica in materia di coordinamento della politica economica. Una task force di consulenti economici che riferiranno direttamente al Dipe. Tra i nomi degli esperti che gratuitamente daranno il loro contributo ci sono Elsa Fornero, Mauro Magatti, Silvia Scozzese, Anna Maria Tarantola e Giuseppe De Rita.

Cosa farà Elsa Fornero per il governo Draghi

Nel comunicato che è stato pubblicato sul sito del Dipe si legge che il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Bruno Tabacci, in forza della delega ricevuta dal presidente Mario Draghi, "ha provveduto a istituire un Consiglio d'indirizzo che avrà il compito, a titolo gratuito, di orientare, potenziare e rendere efficiente l'attività programmatica in materia di coordinamento della politica economica presso il Dipe". "Tale organismo - si legge ancora - sarà presieduto dallo stesso Tabacci con il coordinamento del capo del Dipe, professor Marco Leonardi". "Sono stati dunque nominati e ne fanno parte: Antonio Calabrò, Patrizia De Luise, Giuseppe De Rita, Elsa Fornero, Giuseppe Guzzetti, Alessandra Lanza, Mauro Magatti, Alessandro Palanza, Alessandro Pajno, Monica Parrella, Paola Profeta, Silvia Scozzese, Alessandra Servidori, Anna Maria Tarantola, Mauro Zampini".

La Lega è insorta dopo la nomina e ha fatto partire un'interrogazione parlamentare sul ruolo di Elsa Fornero nella sua nuova veste di consulente della squadra di tecnici del Consiglio d'indirizzo per la politica economica. Il partito di Matteo Salvini interroga il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, spiegando che "indubbiamente la scelta di Elsa Fornero non è - per il Carroccio - sinonimo di tranquillità e serenità rispetto ad eventuali interventi in materia pensionistica, anche alla luce della prossima scadenza della sperimentazione di Quota 100".

Nel 2011 Elsa Fornero era stata chiamata dall'allora presidente del Consiglio Mario Monti, incaricato di formare un governo tecnico d'emergenza, a svolgere il ruolo di ministra del Lavoro. Le era stata affidata la riforma delle pensioni, che aprì un aspro dibattito. Celebri sono le lacrime della Fornero dopo aver annunciato il provvedimento "lacrime e sangue".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ritorno di Elsa Fornero: cosa farà (gratis) per il governo Draghi

Today è in caricamento