rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Politica Italia

Eluana, il Consiglio di Stato condanna la Lombardia a risarcire Beppino Englaro

La Regione non pagò il ricovero di Eluana Englaro in stato vegetativo per 17 anni, in una struttura sanitaria adeguata per la sospensione dellʼalimentazione e dellʼidratazione come richiesto dal padre

Respinto il ricorso della Regione Lombardia: il Consiglio di Stato ha confermato il risarcimento, di quasi 133mila euro, a Beppino Englaro per il mancato ricovero della figlia Eluana, in stato vegetativo per 17 anni, in una struttura sanitaria adeguata per la sospensione dell'alimentazione e dell'idratazione come richiesto dal padre.

Beppino Englaro ottenne nel 2009 il sì da parte della magistratura a spegnere le macchine che tenevano in vita sua figlia, ricoverata in una casa di cura di Lecco. A quel punto la Regione Lombardia e lo stesso istituto clinico si opposero all'applicazione della sentenza.

Eluana Englaro morì il 9 febbraio 2009 nella casa di riposo la Quiete di Udine, dove il padre fu costretto a trasferirla per dar seguito alle sue volontà.

Beppino Englaro riuscì a dimostrare davanti ai giudici che la figlia, quando era ancora in vita, aveva manifestato la volontà, in caso di incidente o malattia, di non essere tenuta in vita artificialmente.

Il Tar lombardo accolse l'istanza del padre condannando la Regione al risarcimento di 133mila euro, sanzione confermata oggi dal Consiglio di Stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eluana, il Consiglio di Stato condanna la Lombardia a risarcire Beppino Englaro

Today è in caricamento