rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Crisi economica / Livorno

Cresce la tensione contro Equitalia: molotov a Livorno

Dopo gli scontri di Napoli e il finto pacco bomba di Roma, ecco le fiamme contro la sede livornese. Continuano gli attacchi contro l'Agenzia delle Entrate

Dopo gli scontri fuori dalla sede Equitalia di Napoli e il finto pacco bomba di Roma, tocca a Livorno.

Alle 4.30 del mattino di sabato due bottiglie molotov sono state lanciate contro l'ingresso della sede livornese di Equitalia. Le fiamme hanno danneggiato l'esterno dell'agenzia che si trova al piano terra di un edificio in via Indipendenza, nel pieno centro della città toscana. Sul posto, dove sono arrivati i vigili del fuoco, la polizia scientifica e gli artificieri, sono stati trovati anche due ordigni inesplosi.

Equitalia ad alta tensione - Resta alta, quindi, la tensione contro l'agenzia ritenuta responsabile dei numerosi suicidi che si stanno susseguendo da nord a sud a causa della crisi economica.

La denuncia dell'Agenzia delle Entrate - A nulla sono valse le parole di Attilio Befera, responsabile dell'Agenzia delle Entrate, che venerdì, dopo i fatti di Napoli, ha definito "inaccettabile continuare a scaricare irresponsabilmente su Equitalia la colpa di gesti estremi e situazioni drammatiche che hanno invece origini diverse e lontane e che stanno esplodendo solo oggi a causa della crisi economica".

Giovedì incontro Monti-Befera. E proprio per trovare rimedio a una soluzione ormai difficilmente affrontabile, stando le parole del ministro allo Sviluppo economico Corrado Passera per il quale "E' a rischio la tenuta sociale del paese", giovedì 17 maggio Attilio Befera incontrerà il premier Mario Monti a Palazzo Chigi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cresce la tensione contro Equitalia: molotov a Livorno

Today è in caricamento