rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Femminidicio

Femminicidio, dalla Camera "sì" unanime alla convenzione di Istanbul

L'Italia è il quinto paese ad adottare il testo ratificato due anni fa. Per entrare in vigore servono però dieci stati, di cui almeno otto membri del Consiglio d'Europa

Dopo le polemiche mattutine sull'assenza dall'Aula dei parlamentari è arrivato il voto unanime che ratifica la Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne.

I "sì" sono stati 545. Il risultato è stato salutato da un applauso di tutta la Camera. Ora il testo passa all'esame del Senato.

La Convenzione in materia di prevenzione e contrasto della violenza sulle donne, chiamata comunemente Convenzione di Istanbul, è stata approvata dal Comitato dei Ministri dei paesi aderenti al Consiglio d'Europa il 7 aprile 2011 e aperta alla firma dall'11 aprile 2011. Si tratta del primo strumento internazionale giuridicamente vincolante che crea un quadro giuridico completo per proteggere le donne contro qualsiasi forma di violenza.

COSA PREVEDE - La finalità è quella di "prevenire e contrastare la violenza intrafamiliare e altre specifiche forme di violenza contro le donne, di proteggere e fornire sostegno alle vittime di questa violenza nonchè di perseguire gli autori".

La Convenzione ha tra i suoi principali obiettivi l'individuazione di una strategia condivisa per il contrasto della violenza sulle donne, ma anche la prevenzione della violenza, la protezione delle vittime e la perseguibilita' penale degli aggressori. La Convenzione mira inoltre a promuovere l'eliminazione delle discriminazioni per raggiungere una maggiore uguaglianza tra donne e uomini.

L'aspetto più innovativo del testo è rappresentato dal fatto che la Convenzione riconosce la violenza sulle donne come una violazione dei diritti umani e una forma di discriminazione.

Con l'ok del Parlamento italiano l'Italia sarà il quinto Paese ad aver ratificato la Convenzione, che però, per entrare in vigore, ha bisogno della ratifica di dieci Paesi, di cui almeno otto membri del Consiglio d'Europa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Femminicidio, dalla Camera "sì" unanime alla convenzione di Istanbul

Today è in caricamento