Venerdì, 23 Luglio 2021
Nasce il governo Draghi

La fiducia al governo Draghi mette in difficoltà molti partiti

Se la fiducia è bipartisan non si può dire lo stesso del clima: Salvini incassa la 'bacchettata' sulla irreversibilità dell'euro, ma M5s e sinistra sono in subbuglio

Il Governo Draghi ottiene la fiducia del Senato della Repubblica. Con 262 sì è il 3° governo con più Sì nella fiducia iniziale al Senato tra tutti i governi della nostra storia repubblicana: meglio avevano fatto solo Monti (281 Sì) e Andreotti all'inizio del suo quarto governo (267 Sì). 

  • Presenti: 305
  • Votanti: 304
  • Maggioranza: 152
  • Favorevoli 262 (tra cui 52 lega, 54 m5s, 49 Forza Italia, 35 Pd, 17 IV, 10 Europeisti)
  • Contrari 40 (tra cui 19 senatori di Fratelli d'Italia e 15 dissidenti M5s)
  • Astenuti: 2

Ma c'è un dato politico importante: a causa di alcuni voti in dissenso con i numeri di questa sera, in Senato l'intergruppo M5s-PD-Leu dovrebbe avere meno voti dell'insieme dei gruppi di centrodestra (Lega-Fi) che sostengono il governo Draghi. Ecco i 15 i senatori M5s che hanno votato no in dissenso al proprio gruppo (Abate, Angrisani, Corrado, Crucioli, Di Micco, Giannuzzi, Granato, La Mura, Lannutti,Lezzi, Mantero, Mininno, Moronese, Morra, Ortis) cui si aggiungono 8 assenti (Auddino, Botto, Campagna, Castiello, Dessì, Garruti, Nocerino, Vanin).

aggiornamento 23:22  Il governo Draghi ottiene la fiducia al Senato.

Il testo della mozione di maggioranza per la fiducia al governo Draghi fa capire quanto i partiti che sostengono il governo (quasi tutti) siano distanti, alcuni in seria difficoltà. "Il Senato, udite le comunicazioni del presidente del Consiglio dei ministri, esprime la fiducia al governo", si legge nel brevissimo, didascalico, dispositivo, firmato da tutti i capigruppo. Inutile, nella giornata di oggi, tentare di buttar giù qualcosa di più sui punti programmatici enunciati da Draghi.

Nel corso del suo lungo intervento (53 minuti, qui il testo) gli applausi sono stati una ventina, non tutti bipartisan, non tutti entusiastici. A partire da quello seguito al ringraziamento, in apertura dell'intervento, al predecessore Giuseppe Conte, che "ha affrontato una situazione di emergenza sanitaria ed economica come mai era accaduto dall'Unità d'Italia". Applausi in piedi dagli scranni del M5s, 'buuu' polemici da quelli del Carroccio.

Gli stessi banchi da cui, poco dopo, Matteo Salvini si sente, indirettamente, 'bacchettato', quando il presidente del Consiglio parla di "irreversibilità della scelta dell'euro", citando la frase (di senso contrario) pronunciata ieri dal leader del Carroccio. Che più tardi, fuori da Palazzo Madama, fa buon viso a cattivo gioco: "Draghi ha sempre ragione". Nonostante tutto "la Lega c'è", ha ripetuto anche oggi. E si vede chiaramente in Giancarlo Giorgetti che siede alla destra del premier mentre dall'altro lato c'è il pentastellato Stefano Patuanelli. Forse un caso, ma è un dato che sono loro i principali rappresentanti 'moderati' delle due forze forse più distanti, fino a oggi, dall'ex presidente della Bce.

governo draghi fiducia senato-2

Da Italia viva viene un sostegno entusiastico ("Valeva la pena di aprire la crisi", gongola Matteo Renzi), dal Pd poco meno. "L'Italia è in buone mani. Il Pd farà la sua parte in questa sfida", assicura il segretario Nicola Zingaretti.

I mal di pancia maggiori, come previsto, sono nel M5s. Alcuni (alla fine meno di 10, pare) stasera voteranno no, ma anche tra molti di quelli che comunque si allineeranno non mancano le voci critiche. Danilo Toninelli, che su Rousseau aveva votato no, esprime una fiducia non "incondizionata, valuteremo provvedimento per provvedimento già a partire dai prossimi giorni". Fiducia non "in bianco e per sempre" anche dalla pentastellata Laura Bottici, per la quale Draghi "ha rappresentato tutto ciò che ho contrastato in questi anni". Cioè la finanza e i mercati.

Lo stesso giudizio che dà Paola Nugnes (ex M5s, oggi Leu) che voterà no alla "tecnofinanza che si è fatta Stato", dando voce a quella parte della sinistra che dice no all'esecutivo.

La fiducia stasera sarà bipartisan, il clima al momento no. Ed Emma Bonino nel suo intervento mette in guarda il premier: "La sua navigazione - avverte - non sarà semplice, non sarà sempre come oggi. Occorrerà tutta la sua autorevolezza per tenere la barra dritta e bisognerà scontentare qualcuno".

La fiducia al governo Draghi: la diretta

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La fiducia al governo Draghi mette in difficoltà molti partiti

Today è in caricamento