Sabato, 25 Settembre 2021
Politica

Migranti, l'annuncio di Avramopoulos: "58 milioni di fondi di emergenza per l'Italia"

"La gestione della crisi dei migranti è più importante della gestione della crisi economica - spiega il commissario Dimitris Avramopoulos - perché ha a che fare con i valori fondanti della stessa Unione Europea"

BRUXELLES - Nuovi fondi dall'Europa per l'emergenza migranti: è l'annuncio del Commissario europeo per le migrazioni, gli affari interni e la cittadinanza Dimitris Avramopoulos, che ha spiegato come la Commissione Europea ha deciso uno stanziamento di emergenza di 58 milioni e 210mila euro destinati all'Italia. Un nuovo accordo con l'Italia che riceve questi fondi per gestire l'accoglienza dei richiedenti asilo per garantire a tutti quanti arrivano nel nostro paese la possibilità di essere registrati, avere a disposizione cibo e informazioni legali per ottenere lo status di rifugiati.

Con l'annuncio odierno i fondi di emergenza stanziati dalla Commissione Europea hanno raggiunto un totale di 146milioni di euro a cui vanno aggiunti i 592 milioni di euro di finanziamenti già previsti nel bilancio 2014-2020.

Dimitris Avramopoulos in un incontro con la stampa organizzato dalla rappresentanza italiana al Parlamento Europeo ha fatto presente come la situazione nel nostro Paese stia migliorando: nel mese di maggio si è raggiunto il più alto numero di ricollocamenti dei migranti che hanno richiesto lo status dei richiedenti asilo. "Mille le persone che hanno lasciato i centri italiani e sono stati redistribuiti nei paesi europei". 

Tuttavia come evidenziato da alcune infografiche fornite dall'Europarlamento, a maggio 2017 alcuni paesi membri non hanno dato alcun sostegno a Grecia e Italia. Lo stesso presidente dell'Europarlamento Antonio Tajani ha annuciato sanzioni verso i membri che non rispettano gli accordi

tajani-2

Proprio sulla questione dei ricollocamenti e di come molti paesi non stiano rispettando gli accordi sulle quote lo stesso Avramopoulos ha chiarito come la Commissione sia impegnata in uno sforzo diplomatico con alcuni paesi che, sulla spinta di tensioni politiche, stanno seguendo chiare politiche ostili rispetto all'accoglienza dei migranti. "Siamo all'ultimo miglio prima di prendere misure verso questi paesi - ha spiegato Avramopoulos che ha chiarito come entro un mese la Commissione dovrà prendere una decisione sull'avvio di procedure di infrazione". 

"La gestione della crisi dei migranti è più importante della gestione della crisi economica - spiega Avramopoulos - perchè ha a che fare con i valori fondanti della stessa Unione Europea".

Non solo emergenza. La Commissione sta lavorando in modi diversi per migliorare i canali giuridici per la migrazione, riducendo così i canali irregolari e sottrarre i migranti ai mercanti di uomini. 

La Commissione insieme agli stati membri sta lavorando per sostenere i paesi terzi nello sviluppo di propri sistemi di protezione e per stabilire una politica europea comune per il "reinsediamento". Attualmente infatti l'UE non ha ancora avvuato una discussione in merito ad installare in paesi terzi centri per registrare i richiedenti asilo primo che tentino le traversate nel Mediterraneo.

Una discussione più che mai arenata e invece concentrata sull'impegno del salvataggio delle vite di chi si avventura nel "mare nostrum", quandanché nel tentativo di rompere il modello di business dei contrabbandieri e dei trafficanti cercando di creare le condizioni d'accoglienza in paesi di transito come la Libia.

Il Commissario ha voluto incoraggiare l'Italia a portare avanti l'operazione di pacificazione della Libia, paese che Avramopoulos ritene fondamentale per arrivare ad una soluzione dell'attuale emergenza. "Vogliamo una Libia unita, con un sistema politico stabile che abbiama come protagonisti Al Serraj e Haftar. Anzi, chiediamo alle autorità italiane di fare di più in questo senso". Se infatti la rotta balcanica è chiusa, e gli accordi con la Turchia hanno contigentato gli arrivi in Grecia, dove nei primi cinque mesi del 2017 si è ha assistito all'approdo di 7.467 migranti, poco più di mille al mese, sono 61.165 le persone sbarcate in Italia secondo i dati Unhcr. 

unhcr migrants 2017-2
Clicca per visualizzare i dati in tempo reale

Inoltre resta esplosiva la questione della registrazione al piano di ricollocamenti. Tirata di orecchie per il nostro paese che poco fa per garantire una corretta informazione a quanti arrivano nei centri di accoglienza sottraendosi poi alle procedure di registrazione nel timore di rimanere bloccati in Italia dalle regole del Convenzione di Dublino, che sebbene lo stesso Avramopoulos ritiene "morto ma ancora legalmente vigente". 

Resta ancora fresca l'ultima ferita al piano europeo con la Repubblica Ceca che ha annunciato per bocca del ministro dell’Interno Milan Chovanec, come non accetterà altri migranti provenienti da Italia e Grecia, sulla base del sistema Ue di quote di redistribuzione dei rifugiati. Con la fine del meccanismo di redistribuzione previsto per settembre, la Repubblica Ceca chiuderà la propria partecipazione, sebbene Praga abbia già espresso parere negativo all’accoglienza di nuovi rifugiati nel mese di maggio. Il governo ceco, secondo una nota, ritiene il sistema delle quote “non efficiente”.

Occorre un cambio di paradigma, superando l'idea di un semplice reinsediamento con la gestione della migrazione da vedere non solo come offerta di protezione.

L'Europa avrà anche bisogno di competenze straniere per affrontare le lacune nel suo mercato del lavoro a causa di un'invecchiamento della forza lavoro. Per questo motivo la Commissione ha proposto di migliorare il sistema europeo della Blu Card, per renderlo più attraente e facile per i migranti altamente qualificati per arrivare all'UE. Una discussione ora in corso in seno al Consiglio e al Parlamento europeo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, l'annuncio di Avramopoulos: "58 milioni di fondi di emergenza per l'Italia"

Today è in caricamento