rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
il video / Roma

Giorgia Meloni in lacrime alla festa ebraica dell'Hannukah: "Leggi razziali abominio": il video

La presidente del Consiglio ha partecipato alla cerimonia di accensione delle luci per l'Hannukah al museo ebraico di Roma, commuovendosi: "Noi mamme siamo troppo sensibili"

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha partecipato alla cerimonia di accensione delle luci dell'Hannukah al Museo ebraico di Roma. All'inizio del suo discorso Meloni si è commossa, attribuendo la cosa al fatto di essere "femmina e mamma troppo sensibile". Nel suo discorso Meloni ha parlato anche delle leggi razziali introdotte dal regime fascista per perseguitare gli ebrei.

Cosa ha detto Giorgia Meloni al museo ebraico di Roma

Giorgia Meloni ha iniziato il suo intervento al museo ebraico di Roma commuovendosi vistosamente: "Noi femmine ogni tanto facciamo questa cosa un po' così, di essere troppo sensibili, noi mamme in particolare". Al termine della cerimonia l'abbraccio con la presidente della comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello, al termine della cerimonia dell'accensione delle luci dell'Hannukah. Per Meloni "l'identità non è escludente e gli ebrei più di altri rappresentano l'identità. Il popolo ebraico preserva la sua identità. Senza fede non siamo altro che numeri. Le tenebre del mondo non possono spegnere le luci dell'Hannukah, una festa la cui storia va divulgata".

La fiamma tricolore nel simbolo di Meloni, Segre: "Lo tolga"

Meloni, ha poi sottolineato con forza: "Le leggi razziali furono una ignominia. Voi siete una parte fondamentale dell'identità italiana. Siete parte di ciò che tutti siamo, l'identità è qualcosa che aggiunge e rafforza tutti quanti. La storia di questa festa è la storia di coraggio e speranza di un popolo che combatte per difendere la sua identità, la sua fede e la sua libertà. In un tempo in cui l'identità, la storia e la fede sono spesso considerati un limite quando non addirittura un nemico, io penso sia estremamente prezioso ricordare che senza quello che ci definisce, che ci portiamo dietro e dà profondità alle nostre esistenze, noi non possiamo avere nè la forza nè la consapevolezza nè le ragioni giuste per affrontare adeguatamente le tante sfide che abbiamo davanti. Il popolo ebraico questo lo ha sempre saputo, piu' di tanti altri. Questa è la ragione per cui il popolo ebraico è così resiliente, pur avendo attraversato tante atrocità, compresa l'ignominia delle leggi razziali. Questo è un grande insegnamento".

Durante la cerimonia dell'accensione delle luci dell'Hannukah, Meloni afferma: "Tutte le tenebre del mondo non possono spegnere la fiamma di una candela dove quella fiamma e' una speranza, è la nostra capacita' di credere che ciascuno di noi, nel gesto più piccolo o grande, può fare la differenza. È un insegnamento straordinario, oggi abbiamo bisogno di quella piccola luce e speranza. Io provo così ogni giorno a vivere il mio incarico, cercando di fare quello che delle volte sembra che 'non riusciremo, falliremo..'. Invece, bisogna continuare a credere che si possa riuscire".

Continua a leggere su Today

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giorgia Meloni in lacrime alla festa ebraica dell'Hannukah: "Leggi razziali abominio": il video

Today è in caricamento