Sabato, 27 Febbraio 2021

Di Maio rilancia il governo Lega-M5s, si riapre tutto: cinque scenari possibili

Cottarelli in bilico. Giravolta di Di Maio, che abbandona l'idea dell'impeachment. Salvini: "Facciamo partire il parlamento". Pd: "Sembra scherzi a parte e invece si tratta del Paese"

Torna l'ipotesi del governo Lega-Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio poche ore dopo aver chiesto l'impeachment per Mattarella si dice disposto a collaborare. L'ennesima giravolta di questi giorni convulsi.  A sorpresa, torna a circolare prepotente in ambienti parlamentari l'ipotesi di un governo giallo-verde. In particolare, ci sarebbe un pressing da parte del M5s sulla Lega. Da Napoli, d'altra parte, Di Maio dice: "C'è maggioranza per un governo, basta mezzucci". E inoltre mostra disponibilità a collaborare con il Quirinale. I canali di comunicazione col Colle si sono riaperti.

Cottarelli in bilico

Carlo Cottarelli è salito oggi di prima mattina al Quirinale per un incontro informale con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Governo, Cottarebus: giornata decisiva (con lo spettro dello spread)

Ieri sembrava tutto pronto al Quirinale per l'annuncio della lista dei ministri, quando alle 16.30 di ieri il presidente del Consiglio incaricato, Carlo Cottarelli, è salito al Colle per riferire al Capo dello Stato, Sergio Mattarella. Ma mezz'ora dopo ha fatto ritorno a Montecitorio, senza passare per la Loggia alla Vetratadove attendevano i giornalisti. Si è trattato di un incontro per aggiornare il Presidente sullo stato della situazione e stamattina mattina Cottarelli tornerà al Quirinale, si è affrettato a chiarire il portavoce del Colle, Giovanni Grasso, prima che la vicenda assumesse i contorni del giallo. Potrebbe rinunciare l'ex commissario alla spending review, ma per ora Cottarelli conferma di essere al lavoro sulla lista dei ministri. Di sicuro la situazione resta fluida e difficile da decifrare. 

Governo Cottarelli, tutto rinviato ma cresce la pressione per il voto a Luglio

Governo, ultime notizie

"Prendo atto che Matteo Salvini 'cuor di leone' non vuole fare l'impeachment e lì ci vuole la maggioranza", dice Di Maio durante un comizio a Napoli. Poi riapre subito alla Lega: "Se abbiamo sbagliato qualcosa lo diciamo: ma una maggioranza c'è in Parlamento fatelo partire quel governo ma basta mezzucci. Perchè di governi tecnici, istituzionali, non ne vogliamo. Perchè quelli traseno e sicc e si mettono e chiatte ("nascono senza pretese poi si allargano", ndr) come diciamo noi. La maggioranza in Parlamento c'è". "La maggioranza c'è - ribadisce - se si vuole risolvere questa crisi e rassicurare i mercati si faccia partire un governo che ha già un programma chiaro".

Salvini in piazza per chiedere l'elezione diretta del presidente della Repubblica 

Tutte le ipotesi: cinque scenari possibili

Le ipotesi a 87 giorni dal voto del 4 marzo sono sostanzialmente cinque: Governo Cottarelli senza neanche un voto, un Governo Lega-M5s senza Paolo Savona all'Economia, un Governo di minoranza di destra con Salvini oppure Giorgetti premier, un Governo Lega-M5S-Fratelli d'Italia, infine le elezioni il 29 luglio. Difficile pensare che il Paese possa reggere alla pressione dei mercati e allo stillicidio finanziario ancora a lungo: le decisioni definitive andranno prese nel giro di pochi giorni.

Salvini chiede di far partire il parlamento

"Come segretario della Lega chiedo ai presidenti di Camera e Senato di insediare le Commissioni" dice Matto Salvini. L'obiettivo - per ora limitato - è "smontare un pezzo di legge Fornero, approvare la legittima difesa e tagliare i vitalizi e alcune tasse. L'unica cosa che non permetterò è che, in attesa di capire cosa fa Cottarelli e dove va Mattarella, gli italiani abbiano un Parlamento che non lavora". La Lega insisterebbe in ogni caso su Savona ministro dell’Economia, in caso di nuovo tentativo giallo-verde. Lo stallo così non si sbloccherà.

Bankitalia blinda la riforma Fornero e prepara lo scudo anti spread

Giorgia Meloni prova a inserirsi

"Una maggioranza in Parlamento c'è, ed è formata da M5s e Lega: "Era pronta a fare un governo e aveva stipulato un contratto di governo. Noi siamo stati critici però arrivati a questo punto siamo anche disponibili a rafforzare quella maggioranza con FdI", scrive su Facebook Giorgia Meloni, che fa un appello a Mattarella: "Presidente, ci rifletta perché non avremo molto altro tempo".

Il commissario Ue Oettinger: "Mercati potrebbero spingere gli italiani a non votare i populisti"

Pd: "Siamo su Scherzi a Parte"

"In questi giorni abbiamo assistito da parte di Lega e M5S attacchi indegni, vergognosi. Nelle ultime ore c'è stato un cambio di atteggiamento nei toni, una vera e propria  inversione a U che dice molto dell'irresponsabilità di queste persone. Non puoi un giorno denunciare un impeachment contro il capo dello Stato e poi capovolgere tutto. Sembra scherzi a parte e invece si tratta del paese. E' inaccettabile". Lo ha detto il segretario reggente del Pd, Maurizio Martina, a Carta Bianca.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Maio rilancia il governo Lega-M5s, si riapre tutto: cinque scenari possibili

Today è in caricamento