Martedì, 26 Ottobre 2021
Politica

Salvini, l'agosto "nero" che ha cambiato tutto: fuori dal Viminale e pressato da Forza Italia

Con il nuovo eventuale governo Pd-M5s che punta al 2023, per Salvini il rischio è ritrovarsi all'opposizione a lungo. Senza poter contare più sulla cassa di risonanza mediatica del Viminale. E Forza Italia lo avverte: "Senza di noi perdi anche alle regionali"

Oggi Giuseppe Conte riceve l'incarico da Sergio Mattarella. Ma è ancora lunga e non certo priva di difficoltà la strada che porta al nuovo governo Pd-M5s. I problemi, non insormontabili, riguardano le "fronde interne", che tanto nei pentastellati quanto nei dem non hanno mai visto di buon occhio l'accordo coi "nemici di sempre".

Ultim'ora: nasce il nuovo governo Conte: il premier incaricato ha accettato con riserva 

Ma le indiscrezioni di palazzo portano con sé anche una bozza di calendario: a metà della prossima settimana il nuovo governo guidato (di nuovo) dall'avvocato di Volturara Appula presterà giuramento, per la seconda volta in 15 mesi. E' ancora lite sui vicepremier e sul ruolo di Luigi Di Maio, mentre Beppe Grillo attacca: i ministri devono essere tecnici, non politici. Tutto da vedere, tutto da decidere.

Governo M5s-Pd, Matteo Salvini è il grande sconfitto dell'estate politica

C'è un grande sconfitto nell'agosto della politica italiana, pochi dubbi: è Matteo Salvini. Lui ha innescato la crisi di governo, convinto che il M5s non avrebbe mai cercato sponde in quello che definiva sprezzante "il partito di Bibbiano" e che le urne fossero dietro l'angolo. E invece l'apertura del Pd, voluta da Matteo Renzi in primis e accettata senza particolari ansie dalla segreteria e dalla direzione del partito, ha cambiato le carte in tavola. Il governo si fa e il leader del Carroccio si ritrova fuori dal Viminale e all'opposizione. 

Salvini chiama la piazza: "Manifestazione il 19 ottobre"

"Rifarei tutto quello che ho fatto" continua a ripetere Salvini, ma sono in tanti a non credergli persino tra i suoi tifosi più accaniti. Le parole di Luigi Di Maio, che ha rivelato dopo le consultazioni, in diretta tv nazionale al Quirinale, la proposta fattagli da Salvini sono state mediaticamente un (nuovo) duro colpo. La Lega nega di aver mai offerto la guida di un nuovo governo giallo-verde a Luigi Di Maio, ma l'offerta ci sarebbe stata per davvero: "E' scritta, nero su bianco" sottolineano fonti M5s.

Le notizie cattive non sono finite per Salvini: ha lasciato scorie  l’endorsment di Donald Trump a favore del Conte bis, e lo ha lasciato anche senza parole ("sono in silenzio stampa", ha detto ai cronisti quando è stato interpellato sull'argomento). Quando il tycoon venne eletto alla Casa Bianca Salvini esultò, salutandolo come "la rivincita del popolo, del coraggio e dell'orgoglio". C'è chi intravede nella dichiarazione pro-Conte di Trump - commenta oggi il Sole 24 Ore - "la presa di distanza dal leader di un partito ritenuto troppo vicino alla Russia di Vladimir Putin".

Nuovo governo, Salvini: "Ha vinto Renzi"

"Ha vinto Renzi che sta rientrando dalla finestra". Così Matteo Salvini a "Stasera Italia" su Rete 4. "Se l'inciucio era già preparato - ha detto - potevano farlo prima. Io guardo al futuro. Continueremo a batterci. Ditemi cosa hanno in comune Renzi e Di Maio, che si sono insultati per dieci anni".

Secondo il capo della Lega "chiunque arriverà" al Viminale "è figlio di un intrigo di palazzo. Prima o poi il conto arriva, non possono scappare per sempre dal voto".  "Ditemi cosa hanno in comune Renzi e Di Maio che si sono insultati per dieci anni su scuola, lavoro, tasse, Tav", ha proseguito Salvini. "Si stanno scannando su chi fa il vicepremier - ha aggiunto - spero ancora che questo Governo non nasca. Sarebbe un controsenso, un insulto alla democrazia". E sulla decisione dei ministri pentastellati Trenta e Toninelli di firmare il divieto di ingresso nelle acque territoriali italiane per la nave Mare Jonio, Salvini ha affermato: "Alla faccia della discontinuità, ancora oggi abbiamo firmato il divieto di ingresso nelle acque italiane".

Governo Pd-M5s, la Lega si prepara ad anni di opposizione

Mattarella ha posto come condizione a Pd e M5s che vi fosse un progetto di respiro per i prossimi anni. Il progetto potenzialmente pare ci sia, ma è allo stadio embrionale e toccherà a Conte dettagliarlo. Per Salvini il rischio è ritrovarsi all'opposizione e non per qualche mese, bensì per anni. Senza poter contare più sulla cassa di risonanza mediatica garantitagli in questo anno e mezzo dal grande spazio di manovra che ha avuto al Viminale. E la grande paura del Carroccio è che nelle prossime settimane anche i sondaggi inizino a presentare il conto, portando la Lega sotto quel 30 per cento che pareva ormai saldissimo.

Forza Italia avverte Salvini: "Senza di noi perdi"

Non è tutto. La Lega sembra dover abbandonare il progetto di fare a meno della classica alleanza di centrodestra.  Forza Italia "deve essere ancora il cuore, il cervello e la spina dorsale" del centrodestra, "naturalmente lontano da ingenuità sovraniste e da tentazioni populiste'', perché "una democrazia occidentale funziona se la competizione al suo interno è tra un centrodestra e un centrosinistra, alieni da pauperismi, da giustizialismi, da sovranismi... Silvio Berlusconi esce dallo Studio alla Vetrata del Colle, ribadisce la sua contrarietà a un governo giallorosso (''siamo preoccupati per il pericoloso scenario che si sta delineando'') e mette i puntini sulle 'i', lanciando un messaggio preciso al suo alleato Matteo Salvini, in vista delle prossime elezioni regionali: '

'La destra senza di noi non sarebbe in grado di vincere e se anche vincesse non sarebbe in grado di governare". Tradotto, secondo Adnkronos: caro Matteo, ora che è fallita l'esperienza gialloverde e sei in cul de sac e sembra allontanarsi sempre di più la strada del voto, torni a fare opposizione, ma se vuoi vincere le prossime elezioni, il centrodestra deve restare unito e non pensare che Forza Italia ti faccia da spalla o, peggio, da ruota di scorta. I fedelissimi di Arcore avvertono Salvini senza troppi giri di parole. Il primo è Sestino Giacomoni: ''Mi auguro che l'insegnamento che arriva a tutti da questa gestione della crisi porti anche Salvini a capire che in questo momento se il centrodestra non è unito probabilmente rischia di perdere le prossime elezioni, non solo quelle politiche ma anche quelle regionali imminenti".

Nuovo Governo: Mattarella convoca Conte ma Grillo chiede un passo indietro ai 5 stelle

salvini-ansa-12

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salvini, l'agosto "nero" che ha cambiato tutto: fuori dal Viminale e pressato da Forza Italia

Today è in caricamento