Domenica, 19 Settembre 2021
Insieme a FDI

Green pass: la Lega vota (ancora) contro

Maggioranza spaccata in commissione cultura sull'estensione del certificato verde al personale scolastico

Si spacca di nuovo la maggioranza alla Camera sul green pass. In commissione Cultura la Lega ha votato insieme a Fratelli d'Italia contro il parere (comunque approvato) sul decreto che estende l'obbligo di green pass a tutto il personale scolastico (docenti, impiegati, collaboratori) e a chiunque debba entrare nelle strutture delle istituzioni scolastiche, educative e formative del Paese, genitori compresi. Lo rende noto Federico Mollicone, deputato di Fdi.

"In VII commissione la maggioranza vota divisa su uno dei provvedimenti sul green pass, misura ai limiti dell'incostituzionalità che lede i diritti dei cittadini - dichiara il capogruppo in commissione Cultura di FDI, deputato Federico Mollicone - il regolamento UE sul green pass esplicita espressamente la necessità di non discriminare fra cittadini di serie A e serie B. Germania, Danimarca, Svezia e molte altre nazioni hanno evitato l'introduzione del green pass. Già in Galizia e Andalusia il green pass è stato ritenuto non conforme. Continueremo la battaglia per la libertà degli italiani contro questo 'lasciapassare' per la vita sociale!", afferma Mollicone.

Green pass, verso l'obbligo per i lavoratori di pubblico e privato

Intanto sull'estensione dell'obbligo per i lavoratori del pubblico, ma anche del privato, "il governo è pronto ad accelerare". A dirlo è stata Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie, ai microfoni di Radio Rai nel giorno della discussione in Senato sul dl Green pass. E nel pomeriggio il premier Mario Draghi avrebbe convocato i sindacati nel pomeriggio alle 16.30 a Palazzo Chigi in vista dell'atteso Consiglio dei ministri di domani sull'estensione del certificato verde. Il provvedimento è in fase di rifinitura. La certezza è che il Green Pass sarà reso obbligatorio per i dipendenti della pubblica amministrazione, mentre non è detto che già nel prossimo decreto saranno inclusi tutti i lavoratori del comparto privato.

La sensazione è che per i privati l'esecutivo potrebbe prendersi più tempo, anche viste le perplessità della Lega. "Prima di decidere se sono d'accordo, voglio vedere di cosa si tratta" ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini a Cartabianca su Rai3, parlando dell'estensione del Green Pass ai lavoratori del pubblico e del privato. "Se una mamma non ha il Green Pass o il nonno che facciamo con i bimbi a scuola? C'è tanta gente che non si può vaccinare e il medico di famiglia non si prende la responsabilità di dire che quell'allergia impedisce il vaccino. Sono milioni, non i no vax che sono cretini", ha aggiunto. "In Rsa devi tutelare i soggetti fragili, ma penso ad altri settori del lavoro - ragiona ancora Salvini -  sarebbe complicato tenere fuori dalle volanti o dalle autopompe poliziotti o Vigili del Fuoco... Occorre buon senso, aspettiamo la proposta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass: la Lega vota (ancora) contro

Today è in caricamento