Mercoledì, 16 Giugno 2021
Movimento 5 Stelle / Reggio Calabria

Grillo: bracciate tese alla conquista della Sicilia

Il comico genovese ha compiuto la traversata dello Stretto a nuoto. Ma non mancano le polemiche sul gesto e sulle motivazioni

Chi commenta "come il Duce". Chi invece ricorda "Garibaldi con i Savoia e gli americani con la mafia". Fatto sta che Beppe Grillo, compiendo a nuoto la traversata dello Stretto di Sicilia, ha centrato il suo obiettivo.

Non arrivare da Reggio Calabria a Messina per lanciare la campagna per le elezioni regionali, ma travolgere mediaticamente, ancora una volta, l'Italia.

POLEMICHE. E poco importa se le ultime parole sulla terraferma del leader del Movimento 5 Stelle sia state almeno "fastidiose" per molti siciliani e calabresi: "Il mio è un gesto simbolico" ha spiegato Grillo "questo stretto l'hanno varcato in tanti, mafiose e delinquenti, io forse sono una delle prime persone normali che lo attraversa".

Immediate le repliche della 'gente normale' che sui social network hanno replicato al comico: "Beh, Grillo" uno dei tanti post su facebook "forse ti dimentichi delle migliaia di persone oneste che ogni giorno attraversano quello stretto per lavoro...e non solo...vabbè a stare dietro a Grillo si rischia di essere retorici, certo ha il merito di aver destabilizzato il politichese, ma sto qualunquismo ha veramente annoiato".



LE MOTIVAZIONI SECONDO IL MOVIMENTO. Per chi è in campo in Sicilia con la lista del Movimento, Giancarlo Cancellieri (candidato alla presidenza) "le chiacchiere stanno a zero". I motivi della traversata Grillo non li ha mai voluti palesare ma poco importa: "Nell'immaginario nostro è per l'ennesima volta la volontà di dire che il Ponte sullo Stretto non serve a nulla. La Sicilia ha grossissimi problemi dal punto di vista umano - ha spiegato Cancelleri - di immigrazione, di lavoro, di scarsa qualità delle vie di comunicazione e di trasporto. Della scarsa qualità della vita e dell'aministrazione distruttiva e carente che conclude i suoi mandati anzitempo, per lo stesso motivo, la mafia. Il suo tuffo è un no al ponte". Quindi Cancelleri, scherzando con i cronisti in attesa dell'approdo di Grillo, ha detto: "Altre motivazioni non le conosco, magari essendo genovese, non ha voluto pagare il biglietto perchè costava troppo".

Su Palermo Today le tappe del 'Grillo Tour' per la Sicilia

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grillo: bracciate tese alla conquista della Sicilia

Today è in caricamento