rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca / Bergamo

Capo della polizia e amministratrice: "Così abbiamo rubato i soldi del Comune"

Il capo dei vigili di Stezzano si "costituisce" e racconta la sua verità ai pm sui soldi che sarebbero stati rubati al Comune

BERGAMO - Avrebbe fatto tutto con l'aiuto di un "insospettabile" Loredana Zenca, la responsabile dei servizi amministrativi del Comune di Stezzano finita in carcere perché sospettata di avere usato soldi pubblici per acquistare gioielli. Ad aiutare l'amministratrice, infatti, sarebbe stato Kenrick Kavanagh, dipendente comunale di origini australiane e capo della polizia locale da oltre dieci anni. 

E' stato lui stesso a presentarsi davanti agli inquirenti per spiegare il suo coinvolgimento. Ha raccontato di quei quarantaquattro bonifici partiti dal Comune senza una spiegazione per un totale di 130mila euro. Bonifici che, secondo gli inquirenti, sarebbe serviti alla Zenca per l'acquisto dei gioielli. 

Il capo della polizia locale, ora indagato, avrebbe spiegato ai pm di essersi accordato con la dipendente comunale e di avere messo a disposizione della Zenca i codici Iban di sua moglie e sua suocere per ricevere i bonifici dal conto corrente del Comune. 

Le somme truffate, avrebbe confessato, venivano poi spartite fra lui e la complice, a cui il comandante consegnava parte del denaro prelevandolo in contanti, una volta ricevuto l'accredito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capo della polizia e amministratrice: "Così abbiamo rubato i soldi del Comune"

Today è in caricamento