rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021

Antonio Ingroia scrive a Beppe Grillo: "Abbiamo il dovere di confrontarci"

Il leader di Rivoluzione civile in una lettera aperta al 'collega' del Movimento 5 Stelle: "Molte tue battaglie sono le nostre, nostri programmi i tuoi"

"Abbiamo il dovere di confrontarci". E' questo il messaggio che Antonio Ingroia ha rivolto a Beppe Grillo in una lettera aperta pubblicata dal Fatto Quotidiano.

Un modo 'pubblico', quello scelto dal candidato premier di Rivoluzione civile, per riprendere l'appello che il quasi ex pm ha già provato a rivolgere al leader del Movimento 5 Stelle.

Appello che, al tempo, Grillo aveva neanche tanto gentilmente rifiutato, chiudendo letteralmente la porta in faccia a Ingroia con un lungo post sul suo blog.

"Caro Beppe Grillo - ha scritto il candidato premier del Polo di sinistra - ti scrivo questa lettera da qui, dal Guatemala, mentre mi preparo a rientrare definitivamente in Italia per partecipare anch'io come te alla campagna elettorale. Ci conosciamo da anni, da quando facevamo mestieri diversi, spesso sullo stesso fronte nella critica radicale di un certo ceto politico e classe dirigente. Venivo a tutti i tuoi spettacoli, e tu più di una volta mi hai citato a Palermo per manifestarmi il tuo sostegno nell'azione giudiziaria contro potentati criminali e politico-economici".

Ingroia rileva "l'indubbio merito di avere sottratto all'astensionismo tanti italiani", con l'ulteriore merito che altrimenti "certe battaglie politiche sarebbero altrimenti rimaste 'orfane'".

È una situazione di emergenza democratica quella che abbiamo davanti. Un'emergenza di fronte al rischio di tracollo. Ed è quindi arrivato il momento della responsabilità, in cui ciascuno deve impegnarsi anche rischiando in proprio

"I partiti servono", ha sottolineato l'ex Pm, aggiungendo: "Vogliamo esprimere una politica di governo nuova e rivoluzionaria? Allora, bisogna confrontarsi. Senza diffidenze e pregiudizi. Per uscire dalla contestazione fine a se stessa. Ci sono cose che io non condivido in alcune tue posizioni" e la cosa vale anche al contrario, "ma siamo due 'non professionisti della politica' che si sono messi a disposizione", "molte battaglie tue sono le nostre, molti punti programmatici nostri sono i tuoi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antonio Ingroia scrive a Beppe Grillo: "Abbiamo il dovere di confrontarci"

Today è in caricamento