rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
ECONOMIA

Casa, ecco la nuova tassa: si chiama Iuc

Cambia il nome, ma non la sostanza: la nuova "imposta unica comunale" soppianta la Trise e arriverà dal 2014. Non si applicherà alla prima casa, eccetto gli immobili di lusso

ROMA - Non avete ben capito cos'è la Trise? Poco male, perché la tassa che doveva sostituire l'Imu già non esiste più. Si ricambia: il nuovo tributo sulla casa si chiamerà infatti Iuc, imposta unica comunale, e sostituirà l'Imu dal 2014.

La "Iuc" sarà sempre divisa nelle due componenti: la prima relativa alla raccolta dei rifiuti, la seconda sui servizi indivisibili. Più nello specifico, la Iuc da un lato sostituisce la componente immobiliare dell'imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) e le relative addizionali dovute per i redditi fondiari relativi ai beni non locati (le rendite degli immobili di proprietà), e l'imposta comunale sugli immobili (l'ex Imu); dall'altro, per la parte dei servizi, i costi relativi alla gestione dei servizi indivisibili.

E' quanto prevede l’emendamento formulato dai relatori al ddl Stabilità. A illustrare l’intesa politica raggiunta da governo e maggioranza in Senato è il relatore del Pd, Giorgio Santini: "Abbiamo rispettato l’impegno di una riduzione generale delle imposte sulla casa".

La struttura della Iuc prevede che i Comuni abbiano ogni anno 500 milioni per introdurre detrazioni legate ai carichi familiari. Come la Trise, la Iuc avrà tre anime: Imu, Tasi e Tari. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giovanni Legnini, spiega che sulle case diverse dall’abitazione principale la somma delle aliquote Imu e Tasi non potrà superare il 10,6 per mille, contro l’11,6 previsto dalla Trise.

Dal pagamento dell’imposta sugli immobili saranno esentate le prime case, con esclusione di quelle di lusso, spiega Santini, aggiungendo che la Iuc manterrà la ripartizione tra tassa sui rifiuti e sui servizi indivisibili. Per la seconda casa cambia il massimale che viene ridotto al 10,6 per mille. Previste inoltre detrazioni a partire da 200 euro e 50 euro per figlio fino a 4.

Ci vorrà tempo per capire quali saranno gli effetti redistributivi della Iuc e cosa cambia rispetto all’Imu.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa, ecco la nuova tassa: si chiama Iuc

Today è in caricamento