Venerdì, 4 Dicembre 2020

In Lombardia c'era un sistema che pilotava gli appalti? Chiesto il rinvio a giudizio per Lara Comi

Atto finale per l'inchiesta 'Mensa dei poveri': tra i reati contestati all'ex europarlamentare di Forza Italia a agli altri 33 indagati ci sono l'associazione a delinquere, la turbativa d'asta e la corruzione. 

Laura Comi, ex parlamentare europea

Lara Comi, rischia di finire sotto processo insieme agli altri imputati per il sistema di tangenti appalti truccati nomine pilotati finito al centro dell'inchiesta milanese ribatezzata "Mensa dei poveri". La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per l'ex europarlamentare di Forza Italia altre 33 persone nell'ambito dell'inchiesta sul sistema di corruzioni e appalti pilotati in Lombardia legati alla rete dell'ex coordinatore di Forza Italia a Varese, Nino Caianiello.

Si tratta dell'ultimo filone dell'inchiesta 'Mensa dei poveri', che nel maggio di un anno fa aveva portato all'arresto di 43 persone tra politici, imprenditori, funzionari pubblici e faccendieri, con l'accusa di aver creato un sistema di nomine pilotate. Comi era stata accusata di truffa all'Unione Europea e finanziamento illecito, ed era finita ai domiciliari. Un'altra accusa era quella di aver preso denaro "in qualità di intermediaria della dazione corruttiva", attraverso l'incarico conferito a Maria Teresa Bergamaschi ottenuto dal direttore generale di Afol Metropolitana Giuseppe Zingale. La richiesta di rinvio a giudizio riguarda anche Paolo Orrigoni, il patron della Tigros. Tra i reati contestati ai 34 indagati ci sono l'associazione a delinquere, la turbativa d'asta e la corruzione. 

Che cos'è l'inchiesta 'Mensa dei poveri'

I pm Luigi Furno, Silvia Bonardi e Adriano Scudieri hanno presentato 34 richieste di rinvio a giudizio che saranno valutate dal gup nel corso di un'udienza preliminare ancora da fissare in calendario.

L'ex europarlamentare di Forza Italia, che era finita agli arresti domiciliari, è accusata di corruzione, emissione di false fatture e truffa all'Unione Europea. Secondo l'imputazione formulata dai magistrati milanesi, sarebbe stata lei l'"intermediaria della dazione corruttiva" servita a far ottenere un incarico pubblico in Afol, ente per il lavoro della città metropolitana milanese (il direttore generale Giuseppe Zingale è indagato) all'avvocato Maria Teresa Bergamaschi. Quers'ultima è anche titolare della società Premium Consulting, società ligure a cui Comi avrebbe emesso false fatture per "attività professionali mai eseguite". Sull'ex eurodeputata pende anche l'accusa di truffa all'Unione Europea per aver nominato il giornalista Andrea Aliverti come suo addetto stampa a Strasburgo con "il previo accordo di consegnare una quota del compenso" (1.500 euro mensili su un totale di 3,495 euro) all'avvocato Carmine Gorrasi e all'ex coordinatore provinciale di Forza Italia a Varese Nino Caianiello, ritenuto dagli inquirenti milanesi il "grande burattinaio" del sistema di illeciti, "inducendo così in errore gli organi del Parlamento Europeo, e procurando per sé e altri un ingiusto vantaggio".

Nell'elenco degli indagati destinatari della richiesta di rinvio a giudizio della Procura compaiono anche i nomi di altri politici: come quello di Diego Sozzani, parlamentare piemontese di Forza Italia, accusato di corruzione per gli incarichi di consulenza, dal valore complessivo di oltre 60 mila euro, che Caianiello avrebbe dirottato a favore del suo studio professionale. O come Andrea Cassani, sindaco leghista di Gallarate, comune in provincia di Varese: i magistrati lo accusano di turbativa d'asta per la nomina pilotata di due legali che avevano ricevuto dall'amministrazione comunale l'incarico di mettere a punto un parere legale. Sotto accusa anche Paolo Arrigoni, patron della catena di supermercati Tigros: avrebbe corrotto con 50 mila euro Caianiello e altri funzionari locali per "ottenere il cambio di destinazione urbanistica, da industriale a commerciale, di un immobile" sul territorio comunale di Gallarate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Lombardia c'era un sistema che pilotava gli appalti? Chiesto il rinvio a giudizio per Lara Comi

Today è in caricamento