Mercoledì, 3 Marzo 2021

Popolo contro élite: Lega e 5 Stelle alle urne da alleati?

Secondo fonti dell'AdnKronos, i vertici grillini starebbero vagliando la possibilità di un'alleanza pre-elettorale con il Carroccio. Salvini: "Il contratto Lega-M5s tornerà buono tra qualche mese"

Un’alleanza pre-elettorale tra Lega e 5 Stelle? A questo punto nulla è impossibile. Tutt’altro: secondo quanto riferito da una fonte del M5s all’agenzia AdnKronos, i vertici grillini starebbero vagliando concretamente anche questa possibilità in vista di un ritorno anticipato alle urne: un'alleanza, viene spiegato, che si giocherebbe tutta sul programma di governo messo insieme nelle ultime settimane -siglato dai due leader Luigi Di Maio e Matteo Salvini- per dar vita all'esecutivo giallo-verde che non ha mai visto la luce.

Per ora si tratta di uno scenario del tutto ipotetico. Salvini non lo conferma apertamente, ma neppure lo smentisce: "Mi faccia ragionare a mente fredda... - risponde a chi gli domanda di eventuali alleanze elettorali con i grillini - Sono ancora troppo incazzato per fare questo tipo di ragionamenti".

Ma durante la registrazione di Matrix il leader del Carroccio si lascia sfuggire delle parole abbastanza rivelatrici: "Abbiamo lavorato bene con i Cinque Stelle, dignitosamente, avevo dubbi all'inizio. Quel programma rimarrà, torna buono tra due-tre-quattro mesi". 

Alleanza tra Lega e 5 Stelle, cosa potrebbe succedere

I vantaggi in termini elettorali di una siffatta alleanza sarebbero evidenti: l'ipotetica coalizione gialloverde consentirebbe ai due partiti di conquistare all'incirca il 90% dei seggi assegnati con il maggioritario, il che significherebbe poter disporre di una maggioranza anche più solida di quella attuale. Ma si tratta, ovviamente, di calcoli puramente ipotetici basati sui risultati delle passate elezioni.

Popolo contro élite

Quanto ai temi da usare in campagna elettorale, è evidente che la macchina della propaganda dei due partiti farebbe leva sulla fantomatica contrapposizione tra "popolo" ed "élite", anche se il concetto di "élite" verrebbe declinato in modo diverso. Nel caso della Lega le "élite" da piegare ai voleri del "popolo sovrano" sarebbero le classi dirigenti europee, mentre i 5 Stelle, come del resto è apparso evidente dalle dichiarazioni delle ultime ore, hanno già messo nel mirino il Presidente della Repubblica (contro cui viene invocata la procedura di impeachment), nonché gli ultimi “animali politici morenti” (Di Battista).

Resta da capire – se alleanza sarà – se la posizione dei 5 Stelle sull’euro ricalcherà quella della Lega: ovvero uscire dalla moneta unica. Staremo a vedere.

borghi-2

(Nella foto: Claudio Borghi, responsabile economico della Lega, ha rimarcato ieri su Twitter che nel programma del Carroccio era prevista l'eventualità di uscire dall'euro). 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Popolo contro élite: Lega e 5 Stelle alle urne da alleati?

Today è in caricamento