Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Vincenzo Sbrizzi

Opinioni

Vincenzo Sbrizzi

Giornalista Today

Con mille morti in un giorno Lega e Fratelli d'Italia giocano a occupare la Camera

Non c'è nulla da fare. Nemmeno mille morti al giorno fermano Lega e Fratelli d'Italia dalle speculazioni. L'occasione è stata data loro dalla discussione in aula per la modifica dei decreti sicurezza voluti da Matteo Salvini. Se proprio bisogna andare nel merito, qualsiasi tipo di variazione introdotta a quel genere di provvedimento è cosa buona e giusta in un Paese civile, ma il problema non è quello. Il problema è che i deputati dei due principali partiti d'opposizione si sono messi a giocare a fare l'occupazione dell'aula. Manco fossero dei liceali durante il periodo delle festività natalizie, i poco “onorevoli” in questo caso hanno dato vita a uno spettacolo indegno.

Mentre il premier Conte spiegava agli italiani quali tipo di sacrifici dovessero fare durante le festività natalizie. Mentre era appena arrivata la notizia che c'erano stati 993 morti nelle ultime 24 ore a causa della Covid, loro facevano i liceali al grido di “libertà, libertà”. Effettivamente dovrebbero essere liberi di trovarsi un lavoro vero e lasciare quegli scranni a persone che hanno realmente a cuore il destino del Paese. Ma la loro “libertà” significa potere, per legge, lasciare annegare nel Mediterraneo migliaia di persone. Questo è il loro concetto di libertà unito a quel pizzico di complottismo e negazionismo rispetto all'emergenza Coronavirus che non è mai mancato durante tutta questa emergenza.

Tradotto in slogan, a loro tanto cari e più accessibili per i meno dotati, “libertà”, “Conte dimettiti” oltre a “Sbarchi no-limits e italiani chiusi in casa”. E per riuscire a immortalare ancora di più il loro intervento per salvare quella porcata di decreti, gli “onorevoli” si sono messi al centro dell'Emiciclo, uno attaccato all'altro, non rispettando le distanze di sicurezza e facendo un bell'assembramento proprio nel momento in cui agli italiani veniva chiesto di non vedere a Natale nemmeno i parenti non conviventi. Negli stessi attimi in cui dei medici chiamavano ai parenti di 993 persone per dire loro che un parente, un padre, un fratello, una madre, un marito, una moglie, un figlio non ce l'avevano fatta. Non erano stati “liberi” di respirare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Con mille morti in un giorno Lega e Fratelli d'Italia giocano a occupare la Camera

Today è in caricamento