Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Legge elettorale, via capilista bloccati e pluricandidature: ecco il Germanichellum

Ecco in 14 punti cosa prevede la riforma elettorale mutuata dal sistema elettorale proporzionale tedesco ma assai corretta in salsa italiana

Liste bloccate elette con il proporzionale per assegnare il 60% dei seggi della Camera e del Senato. Collegi unionominali maggioritari riservati a candidati collegati alle liste bloccate per il restante 40%. Sbarramento al 5% nazionale per tutti. Almeno 40% di donne candidate alle Camere. Voto unico su unica scheda per ciascun ramo del Parlamento. Niente pluricandidature e accesso prioritario al seggio per chi vince nei collegi rispetto ai capilista della proporzionale.

E’ l’identikit del “Germaninchellum”, la nuova legge elettorale frutto del patto Pd-M5s-Forza Italia-Lega che ha ottenuto il primo via libera dalla commissione Affari costituzionali di Montecitorio presieduta da Andrea Mazziotti e che Renzi, Grillo, Berlusconi, Salvini vorrebbero già fra un mese al Quirinale sul tavolo del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Ecco allora in 14 punti cosa prevede la riforma elettorale mutuata dal sistema elettorale proporzionale tedesco ma assai corretta in salsa italiana.

SOGLIA DI SBARRAMENTO AL 5% NAZIONALE – Sono eletti in Parlamento solo deputati e senatori collegati sulla scheda a liste di candidati che superino il 5% nazionale di consenso.

UN SOLO VOTO, UNA SOLA SCHEDA, UNA SOLA CROCE – L’elettore italiano riceverà due schede: una per votare alla Camera e una al Senato. Su ciascuna di esse dovrà mettere una sola croce che attribuirà al contempo il voto per il candidato nel collegio uninominale e per la lista proporzioinale con il suo stesso simbolo.

60% PROPORZIONALE E 40% MAGGIORITARIO – La nuova legge elettorale è per il 60% proporzionale e per il 40% maggioritaria.

60% CANDIDATI UOMINI E 40% DONNE IN COLLEGI,ALTERNANZA IN LISTE - Ogni forza politica dovrà presentare nei collegi uninominali non meno del 40% di candidature femminili. Nelle liste bloccate per l’elezione con la proporziale si dovranno alternare candidati donne e uomini. La parità genere deve essere rispettata tanto alla Camera come al Senato.

232 COLLEGI UNINOMINALI ALLA CAMERA, 112 AL SENATO – Alla Camera i collegi uninominali assegnati con il maggioritario saranno 232 (1 in Val d’Aosta e 6 in Trentino Alto Adige previsti da norma ad hoc + 224 in palio nelle altre Regioni secondo la rispettiva popolazione). Al Senato saranno 112.

398 SEGGI CAMERA E 203 SENATO ASSEGNATI CON LA PROPORZIONALE - I seggi che saranno asegnati con la proporzionale saranno 398 alla Camera e 203 al Senato.

28 CIRCOSCRIZIONI ELETTORALI PER ASSEGNARE SEGGI PROPORZIONALI - L’Italia viene suddivisa in 28 circoscrizioni elettorali per l’assegnazione dei seggi della quota proporzionale.

LISTE DA 2 A 6 CANDIDATI NELLE CIRCOSCRIZIONI PROPORZIONALI - I candidati nella quota proporzionale nelle 28 circoscrizioni territoriali saranno indicati dai partiti in liste che possono avere un minimo di 2 e un massimo di 6 candidati.

CHI VINCE LA SFIDA NEL COLLEGIO ENTRA IN PARLAMENTO - Nei collegi vince il candidato che prende più voti. Chi vince nei collegi è sempre eletto in Parlamento, alla sola condizione che la lista di partito a cui è collegato abbia superato lo sbarramento del 5%.

CAPILISTA UN PO’ MENO BLOCCATI, ENTRANO DOPO VINCITORI COLLEGI - Chi vince nei collegi entra in Parlamento con priorità rispetto a tutti i candidati del suo stesso partito indicati nella lista proporzionale. Solo dopo l’assegnazione dei seggi ai vincitiori nei collegi uninominali infatti saranno assegnati i seggi ai candidati nella proporzionale. Si seguirà l’ordine di candidatura in lista. I capilista saranno dunque i primi a entrare dopo i vincitori nei collegi.

CANDIDATURE PLURIME - Ci si potrà candidare in contemporanea solo in non più di un collegio maggioritario e una lista proporzionale. Non sarà possiibile candidarsi in più liste circoscrizionali.

ELETTI PRIMI SCONFITTI IN COLLEGI PER CHI NON NE VINCE NESSUNO - Se una lista che supera il 5% non vince nessun collegio il primo a entrare in Parlamento sarà il meglio piazzato fra i non eletti e non i capilista.

MENO FIRME E MENO BUROCRAZIA PER PRESENTARE LE CANDIDATURE – Viene semplificata la procedura per presentare le candidature al Parlamento e ridotto il numero di firme necessarie presentarle. Per le candidature nei collegi non serviranno firme essendo i candidati nell’uninominali collegati alle liste circoscrizionali. Per presentare una lista circoscrizionale invece serviranno 2.000 firme per le circoscrizioni fino a 500mila abitanti, 3.000 per quelle da 500mila a un milione, 4mila per quelle oltre il milione. Ma in caso di elezioni anticipate il numero di firme minime richieste è dimezzato. Entro sei mesi dall’entrata in vigore della nuova legge, inoltre, il Governo dovrà introdurre per decreto la sperimentazione della firma digitale per la raccolta delle firme.

ENTRATA IN VIGORE SPRINT PER LA RIFORMA – La legge dispone che la sua entrata in vigore sarà il giorno successivo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge elettorale, via capilista bloccati e pluricandidature: ecco il Germanichellum

Today è in caricamento