Venerdì, 5 Marzo 2021

I negazionisti del Covid di nuovo in piazza (con i No-Vax e stop-5G)

I no-mask si danno nuovamente appuntamento prima a Roma e poi a Rimini. Chi manifesta per denunciare "la dittatura sanitaria" rispetterà l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto?

Di nuovo in piazza a Roma sabato 10 ottobre i neofascisti di Forza Nuova, i negazionisti del coronavirus, i no mask, i cospirazionisti del 5g e i seguaci di varie altre teorie del complotto a cominciare da QAnon. Una replica della manifestazione dello scorso 5 settembre e in cui difficilmente saranno rispettate le nuove restrizioni, a cominciare dall‘obbligo di indossare la mascherina all'aperto, da chi manifesta per denunciare "la dittatura sanitaria".

Lo stesso giorno caleranno a Roma i sovranisti di tutta Italia che si sono dati appuntamento in una piazza attigua. 

Come spiega Romatoday la 'Marcia per la liberazione', in programma sabato alle 14 in piazza San Giovanni vuole chiedere "la fine del neoliberismo" e l'applicata della Costituzione del 1948" ma anche "nuove elezioni subito" per una profonda svolta, contro un governo "schiavo dell'Unione europea e della grande finanza".

Nella Capitale si raduneranno i sovranisti di tutta Italia e l''obiettivo è una "manifestazione che vuole dare voce anzitutto alle categorie e alle classi sociali duramente colpite dalla crisi economica e dalle politiche liberiste del governo. Per chiedere che lo Stato faccia lo Stato, ovvero protegga e dia sicurezza alle classi subalterne".

Marcia liberazione1-2

I sovranisti si rifanno ai loro dieci comandamenti. Un decalogo che va "dalla moneta sovrana in uno Stato sovrano", all'"aumento dei salari e un reddito minimo di 1.000 euro per disoccupati", dalla "difesa delle piccole aziende" fino al "controllo pubblico del sistema bancari" e una "sanità pubblica che tuteli la salute di tutti i cittadini, che garantisca la libertà di scelta terapeutica, unita ad una politica ambientale non di facciata, tesa alla sovranità ed alla sicurezza alimentare, che decreti intanto lo stop al 5G". Vogliono la "fine dello stato d'emergenza". 

"Per questo marceremo insieme, per una profonda svolta, contro un governo schiavo dell’Unione europea e della grande finanza. Il 10 ottobre i mille rivoli sparsi si uniranno per diventare un fiume in piena, inarrestabile", si legge nel sito ufficiale di 'Marcia per la liberazione'.

Politici e vip in piazza

In prima fila nell'iniziativa anche Diego Fusaro, filosofo e fondatore del partito Vox Italia e Sara Cunial, ex 5S e ora deputata appartenente al Gruppo Misto, nota in passato per le sue ferme idee No Vax. Ma ci sono anche diversi vip. 

E non è finita: dopo Roma sarà il turno di Rimini. Il popolo dei no-vax, stop-5G, dei complottisti e negazionisti del coronavirus si è dato appuntamento in piazza anche Sabato 24 ottobre nel centro di quella che è stata una delle prime zone rosse d'Italia.

Il comitato "Romagna per la Costituzione", che raccoglie "liberi cittadini, movimenti, associazioni e realtà presenti e radicati sul territorio", annuncia infatti una "grande manifestazione" in piazza Cavour.

Come spiega Riminitoday, il comitato "Romagna per la Costituzione" si presenta come "fronte unito inter-associativo" sostenuto da una folta serie di sigle disparate tra cui "Dispaccio Filosofico", associazione culturale di Rimini; "E Pur Si Muove", coordinamento di genitori per la libertà di scelta di Rimini e provincia; "Salute Attiva" di San Marino; "Liser", Libera scelta Emilia-Romagna, e ancora il "comitato tecnologie sostenibili Stop 5G Romagna"; "Romagna per la Scuola"; "Comilva", coordinamento del Movimento italiano per la libertà di vaccinazione; Coordinamento nazionale giuristi per la sanita'; Federazione rinascimento Italia; Movimento 3V, "R2020", infine "Vox Italia".

Primo obiettivo di questo fronte unito è "costruire cellule e reti coese di cittadini informati, liberi e pensanti- spiega in una nota- che possano sinergicamente e fruttuosamente difendersi da tutta una serie di leggi, dpcm, normative e linee guida sempre più stringenti, al di fuori di qualsiasi serio dibattito pubblico, così come al di là di qualsiasi principio democratico e costituzionale". "Romagna per la Costituzione" in definitiva riunisce tutti coloro che denunciano "l'esautoramento progressivo del Parlamento a favore di fantomatici comitati tecnico-scientifici non eletti da nessuno" e rivendicano, a loro dire, "la nostra amata e gloriosa Costituzione". In vista di sabato parte quindi un appello alla cittadinanza perché partecipi numerosa alla manifestazione di piazza che prenderà il via dalle 14.30 e vedrà sfilare "autorevoli figure pubbliche di caratura nazionale", tra cui la deputata negazionista e complottista del covid-19 Sara Cunial, ex M5s, Luca Teodori del movimento 3V che combatte "la dittatura sanitaria", i sovranisti di Vox Italia Francesco Toscano e Antonello Cresti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I negazionisti del Covid di nuovo in piazza (con i No-Vax e stop-5G)

Today è in caricamento