Caos Pd, Minniti si ritira dalle primarie: ora tutti aspettano la mossa di Renzi

Il candidato sostenuto dai "renziani" si ritira, come ampiamente previsto. Le preoccupazioni di Minniti, messa da parte la diplomazia, riguarderebbero le future mosse di Matteo Renzi e l'eventuale nascita di un nuovo movimento

Le ultime notizie >> Primarie Pd, il boom di Zingaretti

"Quando ho dato la mia disponibilità alla candidatura sulla base dell'appello di tanti sindaci e di molti militanti che mi hanno incoraggiato e che io ringrazio moltissimo, quella scelta poggiava su due obiettivi: unire il più possibile il nostro partito e rafforzarlo per costruire un'alternativa al governo nazionalpopulista". E' durata soltanto 18 giorni la corsa di Marco Minniti alla segreteria del Pd. In meno di tre settimane ha presentato e, come annuncia in una intervista a Repubblica, ritirato il suo impegno in uno show down improvviso.

"Si è semplicemente appalesato il rischio che nessuno dei candidati raggiunga il 51 per cento. E allora arrivare così al congresso dopo uno anno dalla sconfitta del 4 marzo, dopo le elezioni regionali e poco prima delle europee, sarebbe un disastro", afferma l'ex ministro dell'Interno. "Io lo faccio solo per il Pd. So che c'è il rischio di deludere chi ha deciso di concedermi un affidamento. Ma ci sono momenti in cui bisogna assumersi delle responsabilità personali. Per troppo tempo il partito si è adagiato su uno specchio deformato in cui ci si chiedeva 'che faccio io?' Un eccesso di personalizzazione. Ma il destino di un partito non può essere legato alle singole persone".

Perché Minniti ha detto basta

Chiedono a Minniti: ma forse il dato determinante è che Renzi non ha mai speso una parola in questi giorni per smentire la scissione? "Le scissioni - risponde Minniti - sono sempre un assillo. Sappiamo perfettamente che il Pd ha pagato un prezzo durissimo. Ha pagato un prezzo altissimo a congressi cominciati e mai finiti. Spero che non ci sia alcuna scissione, sarebbe un regalo ai nazionalpopulisti". Molte delle preoccupazioni di Minniti riguardano le future mosse di Matteo Renzi e l'eventuale nascita di un nuovo movimento. Una prospettiva, evidentemente, considerata non in termini positivi per il Pd dall'ex ministro.

Nel Pd molti definivano "renziana" la sua candidatura. Lei ha rifiutato questa etichetta. Si aspettava una maggiore collaborazione dai renziani? "La mia decisione è indipendente dall'affetto politico che si è manifestato. Io ero in campo per difendere il nucleo riformista del Pd e arrivare ad un esito legittimante. Il resto non esiste". Ne ha parlato con Renzi? "Non ci siamo sentiti".

L'intervistatore insiste: ha avuto un peso il fatto che Renzi non abbia trovato il tempo di smentire la scissione? "Spero davvero che nessuno pensi a una scelta del genere. Si assumerebbe una responsabilità storica nei confronti della democrazia italiana. Questo passaggio va oltre la cronaca. Indebolire il Pd significa indebolire la democrazia italiana. Mai come adesso rischiamo uno slittamento. Mai come adesso le differenze tra i partiti sono tanto nette". Come negli anni che hanno preceduto il fascismo? "La storia non si ripete mai nella stessa forma. Ma è vero che dal '48 in poi mai la differenza sul modello di società e sui valori è stata così ampia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche ai "dem" ormai è chiaro: le primarie sono un bluff, ora è tempo del partito di Renzi

Delrio: "Spero che Renzi non esca dal Pd"

 Quando Renzi uscirà dal Pd, lei lo seguirà? "Spero non accada. Ma io sono entrato in politica per costruire il Pd sull`onda dell`Ulivo e morirò orgogliosamente democratico". Così Graziano Delrio in una intervista al Corriere della sera. "Sono assolutamente contrario a semplificare, come se la crisi della sinistra dipendesse da una persona, cioè da Renzi. Questo non mi trova d`accordo, la crisi è alivello mondiale. Bisogna ritrovare la direzione giusta", afferma l'ex ministro. "Non basta la rimozione di una persona perché il centrosinistra ritorni vincente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%, dalle seconde case agli infissi: cosa prevede il decreto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 19 maggio 2020

  • Si allontana la data del "contagio zero": le nuove stime, regione per regione

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Benzina e diesel, brutte notizie al distributore per gli automobilisti

  • Pensioni di giugno, il pagamento arriva in anticipo (ma non per tutti)

Torna su
Today è in caricamento