Mercoledì, 24 Febbraio 2021

Mariastella Gelmini ministro degli Affari Regionali: quando era stata all'Istruzione e la storia del tunnel che collega il Gran Sasso al Cern

L'esponente di Forza Italia torna a far parte dell'esecutivo dopo l'esperienza del 2008: con Draghi prende il posto di Boccia

Mariastella Gelmini (Foto Ansa)

Una delle otto donne del governo Draghi è Mariastella Gelmini che avrà il ruolo di ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie. La Gelmini è anche uno dei tre esponenti di Forza Italia ad entrare nell'esecutivo insieme a Renato Brunetta e Mara Carfagna, e prende il posto di Francesco Boccia del Partito Democratico. Nel 2008 Mariastella Gelmini era già stata un ministro durante il governo Berlusconi, ma in quell'occasione era stata la titolare del ministero dell'Istruzione. 

Chi è Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie del governo Draghi

Avvocato specializzato in diritto amministrativo e urbanistico, 47 anni, look sobrio, toni pacati: Mariastella Gelmini torna al governo dopo l'esperienza alla guida del ministero dell'Istruzione nel quarto governo Berlusconi, quello del 2008. Sostenitrice di Forza Italia sin dalla prima ora, quando nel 1994, ventunenne studentessa di legge, diventa presidente di uno dei primi club di Forza italia.

Nel 1998 è la prima degli eletti alle Amministrative ricoprendo, fino al 2002, la carica di presidente del Consiglio comunale di Desenzano. Dal 2002 è assessore al Territorio della Provincia di Brescia dove realizza il Piano territoriale di coordinamento provinciale. Dal 2004 è assessore all'Agricoltura. Prima degli eletti alla Regione Lombardia nella circoscrizione di Brescia per Forza italia (17.453 preferenze), entra nel Consiglio regionale della Lombardia nell'aprile del 2005. Nel 2006 viene eletta alla Camera. Nello stesso anno Berlusconi la nomina coordinatrice regionale lombarda di Forza Italia.

Mariastella Gelmini, nel 2008 al ministero dell'Istruzione

Poi nel 2008 la consacrazione sulla ribalta nazionale con la nomina a ministro dell'Istruzione e dell'Università. Dal dicastero di viale Trastevere vara la riforma che prevede la reintroduzione dei voti e del maestro unico alle elementari e il riordino di licei, istituti tecnici e professionali. Dopo l'esperienza in quell'esecutivo, Gelmini torna a svolgere ruoli politici di primo piano durante questa legislatura, con la nomina a capogruppo di Forza Italia alla Camera. Saggi e narrativa tra le letture preferite, nella musica le preferenze vanno a Mina e Vasco Rossi.

Mariastella Gelmini e la gaffe sul tunnel di neutrini

Quando era ministro dell'Istruzione, fece scalpore la gaffe di Mariastella Gelmini, in grado di collegare il Gran Sasso al Cern di Ginevra, in Svizzera.. Nel 2011,congratulandosi per la scoperta dei neutrini che in un esperimento Gran Sasso-Cern avevano superato la velocità della luce, dettò all’ufficio stampa queste parole: ''Alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l’esperimento, l’Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro”. Il comunicato faceva presagire un tunnel in cemento armato che dal centro dell’Italia raggiungeva la Svizzera. Subito dopo la ministra confermò l'errore e fece fuori il portavoce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mariastella Gelmini ministro degli Affari Regionali: quando era stata all'Istruzione e la storia del tunnel che collega il Gran Sasso al Cern

Today è in caricamento