rotate-mobile
Mercoledì, 26 Giugno 2024
Lega Nord / Milano

Bossi si arrende: Maroni nuovo segretario

L'ex ministro dell'Interno si presenterà come unico candidato alla guida del partito al prossimo Congresso. E il nuovo leader avverte: "La Lega deve tornare forza territoriale. Potremmo decidere di non ricandidarci in Parlamento"

Maroni sarà il futuro segretario della Lega Nord. Ormai è assodato. Umberto Bossi ha dato il suo via libera: sarà l'ex ministro dell'Interno l'unico candidato al congresso del Carroccio. 

Le notizie che arrivano dalla riunione del Consiglio federale che si è riunito lunedì pomeriggio nella sede di via Bellerio fugano ormai ogni dubbio. Bossi, che pure aveva annunciato una sua ricandidatura, ha deciso per il passo indietro.

Un leader, tre vice - L'accordo tra il senatùr e il neo segretario in pectore prevede la presenza di tre vice, uno dei quali dovrà essere veneto. Bossi resterebbe invece al comando 'spirituale' del movimento padano con la carica di Presidente Fondatore. E sono proprio le parole di Maroni a tener banco tra la base padana.

"Potremmo non candidarci in Parlamento" - Da Cesena, domenica sera, dove ha salutato la riconfermata leadership di Gianluca Pini alla testa della Lega Nord - Emilia Romagna, Maroni ha dato la linea: nessun apparentamento ai prossimi ballottaggi con chi sostiene il governo Monti. Alle politiche, poi, si vedrà. Ma non solo in vista delle prossime politiche gli apparentamenti sono "possibili ma non obbligati", ma è in dubbio la ricandidatura stessa della Lega Nord al parlamento. "Sarà il congresso a decidere" ha spiegato Maroni. "La Lega deve rimanere una forza territoriale". Per questo, "potremmo decidere di lasciare Roma". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bossi si arrende: Maroni nuovo segretario

Today è in caricamento