Mercoledì, 28 Ottobre 2020
Spuntino salato con le mozzarelle di bufala per il leader della Lega Matteo Salvini in visita a Castel Volturno (Caserta), 30 giugno 2020 ANSA / CIRO FUSCO
Politica

Salvini: "Tornerò a Mondragone". Poi attacca Saviano

Tappa a Castel Volturno dopo il mezzo disastro di Mondragone. "Non è possibile che questa zona del Casertano sia conosciuta nel mondo come la terra dei fuochi, grazie anche a quel genio di Saviano che riesce a vendere il peggio dell'immagine della Campania"

Dopo le contestazioni di ieri, Matteo Salvini  dice di voler tornare a Mondragone. "Con Matteo Salvini al Viminale in Campania è aumentata la presenza dello Stato sul territorio, cresciuti i fondi per la sicurezza e diminuita la criminalità" dice il segretario della Lega in una dichiarazione dopo le contestazioni subite ieri nel corso della sua visita in Campania. "I violenti arrivati a Mondragone - commenta Salvini - non ci spaventano e non ci fermeranno''.

"Mi è dispiaciuto vedere poliziotti e carabinieri tenere a bada quattro pirla, sono convinto che c'è dietro anche la Camorra, che è l'unica che ha interesse a che in Campania non cambi nulla". Così Salvini, parlando a Castel Volturno, torna sulla contestazione: "Se uno indossa una divisa vorrebbe inseguire i delinquenti veri, non quei figli di papà".

Il leader della Lega giura che tornerà a Mondragone "entron una settimana" per la "gente per bene", ieri ha dovuto abbandonare il campo tra fischi, cori, lanci di acqua e striscioni. "Buffone" e "sciacallo" sono due degli epiteti rivolti ieri da alcuni contestatori a Salvini. "A Mondragone c'è stata la violenza dei centri sociali contro Lega, poliziotti, giornalisti e cittadini perbene. Loro preferiscono illegalità e camorra, io preferisco lavoro, libertà e sicurezza. Se pensano di spaventarmi con violenza e minacce, non mi conoscono: tornerò, tornerò e tornerò, finché non avremo ridato pace alle persone perbene''.

Mondragone è epicentro di un focolaio di coronavirus che ha causato tensioni tra la comunità di braccianti bulgari e i residenti. Oggi Salvini chiude la sua due giorni in terra casertana a Castel Volturno, l'area che per prima, e da lunghissimo tempo, deve confrontarsi con la difficile convivenza tra la comunità locale e una massiccia immigrazione. In strada poche persone hanno assistito al comizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini non ha perso l'occasione per attaccare Roberto Saviano. Campagna elettorale permanente per il leader del Carroccio, che a ogni comizio rispolvera un po' di repertorio per l'applauso della piazza. "Non è possibile che questa zona del Casertano sia conosciuta nel mondo come la terra dei fuochi, grazie anche a quel genio di Saviano che riesce a vendere il peggio dell'immagine della Campania. Mare stupendo, mozzarella di bufala, ortofrutta", aggiunge il leader della Lega da Castel Volturno.

Mondragone, Salvini accolto con cori e striscioni: ''Buffone, sciacallo'

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Salvini: "Tornerò a Mondragone". Poi attacca Saviano
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...