rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Al vetriolo

Meloni dà un'altra spallata ai suoi alleati

Parole al vetriolo quelle dirette a Berlusconi e Salvini da Catanzaro, dove la senatrice ha lanciato la sua candidata alle comunali

Giorgia Meloni non ha esaurito la sua carica perché anche da Catanzaro, dove è arrivata per lanciare la candidatura di Fratelli D’Italia alle prossime elezioni comunali, ha mandato una stoccata ai suoi alleati. “Nel centrodestra – ha detto la senatrice - è mancata la volontà di anteporre i bisogni dei cittadini di Catanzaro ai problemi interni delle singole forze politiche, credere che dare una speranza, una occasione, un futuro migliore ai cittadini di Catanzaro fosse più importante di garantire le correnti nei singoli partiti. Una cosa della politica che non ho mai amato".

Parole al vetriolo per Salvini e Berlusconi, accusati dunque di aver privilegiato bassi interessi di bottega rispetto alla ricerca di un candidato unitario. Meloni ha parlato proprio di beghe interne. "Il destino di una terra come questa, - ha ribadito Meloni - che ha bisogno di coraggio, di gettare il cuore oltre l'ostacolo, non deve essere piegato alle beghe. A me le beghe interessano poco, quando le vedo io immagino una alternativa. Poi ci diranno i cittadini di Catanzaro cosa ne pensano".

Lo diranno anche scegliendo se votare o meno Wanda Ferro, la candidata di Fratelli d’Italia. Poi rilancia sul Governo, al quale non hanno voluto partecipare, ma non significa che non siano pronti a farlo. "Avremmo potuto andare al governo diverse volte, bastava turarsi un po' il naso. Ma io non voglio sopravvivere, non voglio andare al governo se non sono in grado di cambiare le sorti di questa Nazione. Ci si va se si può fare la differenza" ha concluso Meloni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meloni dà un'altra spallata ai suoi alleati

Today è in caricamento