Venerdì, 22 Ottobre 2021
Il caso

Meloni sull’inchiesta di Fanpage: "Tutto studiato a tavolino". La replica: "Lavoro rigoroso"

La leader di Fdi ribadisce la richiesta di poter visionare le 100 ore di girato. Il direttore della testata: nessuna polpetta avvelenata

"Per quanto si possa fingere di non vederlo, era tutto studiato. Scientificamente, a tavolino. A due giorni dalle elezioni. Non da Fanpage, ma da un intero circuito, o circo, se vogliamo". Con un video pubblicato sui social Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, passa al contrattacco sulla vicenda legata al servizio di Fanpage trasmesso da Piazzapulita e relativo alla condotta di alcuni esponenti di Fdi nella campagna elettorale per le elezioni comunali di Milano.

Nelle immagini, un giornalista si è infiltrato fingendosi rappresentate di un gruppo industriale disponibile a sovvenzionare una avvocatessa candidata di Fratelli d'Italia. Nel corso dei mesi, così, è sempre stato invitato agli eventi elettorali di Fratelli d'Italia, stringendo relazioni e contatti. Nel filmato si parla di un sistema di  "lavatrici" per finanziare la campagna elettorale e ci sono molti altri momenti imbarazzanti per gli esponenti di Fdi: saluti romani, battuttacce sugli ebrei, commenti poco lusinghieri sul candidato del centrodestra a Milano Luca Bernardo.

Meloni non ci sta. "Tre anni di giornalista infiltrato, 100 ore di girato, dalle quali vengono estrapolati 10 minuti di video tagliati e cuciti arbitrariamente, piazzati in prima serata a due giorni dalle elezioni in modo tale che finissero sui giornali nel giorno di silenzio elettorale.Quando loro possono parlare di te e tu non puoi difenderti, quando le persone devono decidere se votarti o no il giorno successivo, perché oggi si vota".  E poi ribadisce la richiesta a Fanpage "di avere l'intero girato di queste 100 ore per sapere esattamente cose siano andate le cose e come si siano comportate le persone coinvolte per agire di competenza". E ancora. "Cosa c'è che non si può mostrare in quei video? Cosa c'è che non devo vedere?".

Il direttore di Fanpage: "Nessuna polpetta avvelenata, ma un lavoro rigoroso"

"Non è stata una polpetta avvelenata, nè un'inchiesta a orologeria. E' stato un lungo lavoro, svolto in maniera rigorosa da colleghi straordinari, tutti under 35". Così il direttore di Fanpage Francesco Cancellato, ' respinge al mittente i sospetti dello stato maggiore di Fratelli d'Italia. E' stata una collaborazione "tra una testata web e un programma televisivo, Piazzapulita, motivo per cui è stato trasmesso giovedì sera". D'altra parte, dice Cancellato al 'Corriere', "nè il codice deontologico, nè il codice civile prevedono un calendario che dica quando uscire".

E poi "quando un'inchiesta riguarda un candidato, credo che per l'interesse pubblico debba andare in onda prima delle elezioni". Alla domanda se le 100 ore di girato saranno consegnate alla leader di FdI, Giorgia Meloni, Cancellato risponde: "Il girato oggetto della prima puntata sarà acquisito dalla Procura della Repubblica che ha aperto un fascicolo. Poi, a mio parere questa è una forzatura: se Giorgia Meloni ritiene che l'inchiesta sia stata 'montata ad arte', ha tutti gli strumenti giuridici per far valere le sue ragioni. Ma le dico una cosa: un saluto romano non si trasforma in una stretta di mano".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meloni sull’inchiesta di Fanpage: "Tutto studiato a tavolino". La replica: "Lavoro rigoroso"

Today è in caricamento