Sabato, 27 Febbraio 2021

Migranti, l'Italia ha chiesto a Malta di far attraccare la Lifeline

Salvini: "Imbarcazione fuorilegge, abbiamo chiesto che Malta apra i suoi porti". La Capitaneria di porto invia una richiesta ufficiale a La Valletta

La Lifeline. ANSA/HERMINE POSCHMANN

Dopo l'odissea della Aquarius un nuovo caso scoppia nel Sud del Mediterraneo. E si chiama Lifeline. La nave della omonima ong tedesca è finita nel mirino del governo italiano. La Lifeline ha soccorso e salvato centinaia di migranti a nord delle coste libiche scatenando una nuova lite diplomatica e umanitaria con l'Italia come protagonista. 

Migranti, il caso Lifeline

Il caso nasce nella giornata di ieri, quando la nave è intervenuta in soccorso di 200-300 migranti a bordo di un gommone a largo delle coste libiche. I soccorritori hanno chiesto aiuto alla guardia costiera italiana o a qualche mercantile che incrocia in zona. La nave è intervenuta in acque Sar (Ricerca e soccorso) ed è stata la guardia costiera di Tripoli a coordinare l'operazione. Una motovedetta è stata inviata sul posto. "Ci aspettiamo - dicono dalla ong - un comportamento professionale e che le forze libiche rispettino la legge internazionale".

La capitaneria di porto italiana ha chiesto ufficialmente a Malta di far attraccare la nave. Lo fanno sapere fonti del governo. La Valletta finora aveva smentito di aver ricevuto una richiesta in tal senso da parte di Roma.

Migranti, che cosa sono i "movimenti secondari" e perché l'Italia punta i piedi

La risposta di Lifeline alle accuse di Salvini e Toninelli

Ieri Salvini aveva puntato il dito contro la nave Lifeline, prima annunciando che le centinaia di migranti a bordo non sarebbero stati accolti in Italia e poi dichiarando di voler arrestare tutto l'equipaggio per "favoreggiamento dell'immigrazione clandestina". "La nostra nave batte bandiera olandese", ribatte Lifeline in un tweet, dopo che il governo italiano ha preannunciato il sequestro dell'imbarcazione per avviare un'inchiesta di bandiera volta ad accertare se sia effettivamente registrata in Olanda. Lifeline ha pubblicato anche la foto della conferma di registrazione della nave omonima, datata 19 settembre 2017 con scadenza il 19 settembre 2019, in cui si indica Amsterdam come porto "di casa". La Ong, inoltre, ha ribadito che l'intervento di soccorso di migranti davanti alle coste libiche è avvenuto in acque internazionali e ha fatto sapere che nella notte ha fornito assistenza a un mercantile intervenuto in soccorso di un altro gommone in difficoltà.

Migranti, si apre nuovo caso Ong mentre Merkel chiama Conte e straccia la bozza Ue


Cosa dice Salvini sulla Lifeline

"La NAVE FUORILEGGE Lifeline (Ong tedesca che usa finta bandiera olandese e mi diede del “fascista”) è ora in acque di Malta, col suo carico illegale di 239 immigrati. Per la sicurezza di equipaggio e passeggeri abbiamo chiesto che Malta apra finalmente i suoi porti. Chiaro che poi quella nave dovrà essere sequestrata, ed il suo equipaggio fermato. Mai più in mare a trafficare, mai più in Italia. Sento il Popolo vicino, grazie per l’affetto!", scrive su Facebook di prima mattina il ministro dell'interno Matteo Salvini.

La Lifeline, carica di migranti, è in lenta navigazione in direzione Malta. Stanotte i volontari della Ong tedesca hanno dato aiuto ad un altro gommone in difficoltà incontrato lungo la rotta. Ieri, i ministri Salvini e Toninelli hanno confermato l'intenzione di voler sequestrare la nave - è evidente che potranno farlo solo se entrerà nella giurisdizione italiana e non certo in acque internazionali - e di non voler accogliere i migranti per i quali hanno chiesto la disponibilità di Malta o Tripoli. La Ong si è da subito rifiutata di consegnare i migranti alle motovedette libiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti, l'Italia ha chiesto a Malta di far attraccare la Lifeline

Today è in caricamento