rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Politica

Minniti e la questione migranti: "La partita cruciale si gioca in Libia"

Il ministro dell'Interno ha esposto alla Camera le ultime decisioni dell'Ue: "Il 97% delle persone salvate nel Mediterraneo arriva dalla Libia, il problema va affrontato lì"

Il ministro dell'Interno Marco Minniti ha parlato alla Camera sulle recenti decisioni dell'Unione Europea riguardo la gestione dei flussi migratori: "La Libia è fragile e instabile, combattere i trafficanti di esseri umani in LIbia significa dare un contributo forte per la stabilizzazione della Libia e l'Italia è strategicamente interessata alla stabilizzaizone della Libia. È importante che l'Ue, Francia e Germania abbiano deciso di rafforzare il loro impegno economico e politico in Libia, lì si gioca una partita cruciale per i temi di cui discutiamo. Il 97% delle persone salvate nel Mediterraneo vengono dalla Libia ma non c'è un libico e dobbiamo comprendere che è lì che va affrontato il problema".

"Nei primi sei mesi di quest'anno - ha continuato il ministro - il 34% dei salvataggi di migranti nel Mediterraneo centrale è stato condotto dalle ong, il 28% dalla guardia costiera italiana, il 9% dalla missione Sophia, 11% da Frontex e il 7% dai singoli mercantili".

"Tra il 27 e il 28 giugno scorso si è assistito ad un afflusso straordinario di persone salvate nel Mediterraneo centrale" con ben 22 navi impegnate, poi giunte a 25 "per un totale di più di 10mila arrivi che fanno salire la cifra degli arrivi a più di 85mila nei primi sei mesi dell'anno. Il 18.40% in più rispetto allo scorso anno".

"È stato messo a dura prova il nostro sistema di approdo e accoglienza", ha quindi concluso Minniti che ha voluto ringraziare quanti "in quei giorni, dalle forze dell'ordine ai volontari, hanno consentito di risolvere una situazione molto difficile".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minniti e la questione migranti: "La partita cruciale si gioca in Libia"

Today è in caricamento