rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Politica Italia

Legge Milleproroghe: le norme della discordia e tutte le novità su lavoro, fisco e pensioni

Dopo le polemiche su taxi e filxbus, via libera definitivo e senza modifiche della Camera con 249 sì, 147 no e 3 astenuti. Ecco quali sono le novità che interesseranno lavoro, fisco e pensioni

Il decreto milleproroghe è legge. La Camera ha dato il via libera definitivo al provvedimento che ha scatenato le proteste di piazza con i tassisti sul piede di guerra per la proroga della regolamentazione sui taxi abusivi e i servizi Ncc, norme che secondo la categoria favorirebbero Uber, e gli ambulanti contrari all'applicazione della direttiva Bolkestein che rimette a bando le concessioni rilasciate negli anni dagli enti locali.

Rinviato al 31 dicembre 2017 il termine per l'emanazione del decreto del ministero delle Infrastrutture e trasporti contro le pratiche di esercizio abusivo del servizio taxi e del servizio di noleggio con conducente. Si prevede inoltre che restino sospese le disposizioni in materia di trasporto di persone mediante autoservizi non di linea operi fino al 31 dicembre 2017: tali norme prevedono una serie di limiti e divieti per gli Ncc tra cui l'obbligo di ritornare in rimessa dopo aver accompagnato il cliente. La modifica ha scatenato la protesta dei tassisti che la considerano una sanatoria a favore di Uber.

Ad alimentare le polemiche è anche la cosiddetta norma Flixbus, approvata nel passaggio del decreto Milleproroghe in Senato. La norma prevede che le autorizzazioni sulle tratte interregionali per il servizio di trasporto di autobus possano essere concesse solo a raggruppamenti di imprese guidate da operatori economici la cui principale attività è il trasporto di passeggeri su strada. Contro questa norma ha subito protestato la società tedesca di autobus extra-urbani che, sulla base di una piattaforma digitale, effettua servizi di trasporto low-cost in tutta Europa e che, con la stretta, si trova ad essere fuorilegge. La norma è stata confermata nel testo del decreto Milleproroghe su cui il governo ha incassato la fiducia ma l'esecutivo ha tuttavia accolto un ordine del giorno che lo impegna a sopprimere la novità, con il primo provvedimento utile.

Stop all'obbligo del proprietario di indicare nel 730 la registrazione del contratto d'affitto a canone concordato per ottenere la cedolare secca al 30%. Eliminato anche l'obbligo di indicare la denuncia dell'immobile ai fini dell'applicazione dell'Ici.

Prorogata al 31 dicembre 2017 la detraibilità, ai fini Irpef, del 50% dell'importo corrisposto per l'Iva dovuta sugli acquisti di immobili ad alta efficienza energetica (classe energetica A o B) ceduti dalle imprese costruttrici.

Prorogata al 30 giugno 2017 l'indennità di disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto. La proroga consente il ricorso all'indennità per i casi di disoccupazione verificatisi a partire dal 1 gennaio 2017 fino al 30 giugno.

Slitta dal primo marzo al primo novembre 2017 l'avvio dell'applicazione sperimentale della lotteria nazionale legata agli scontrini per gli acquisti di beni o servizi con carta di debito o credito, introdotta con la legge di bilancio. Per i pagamenti in contanti il termine resta il termine del primo gennaio 2018.

Arriva la proroga per l'invio dei bilanci dei partiti politici: non dovranno pagare le multe per la mancata presentazione dei rendiconti entro il 15 giugno di ogni anno. Via libera alla cassa integrazione per i dipendenti di partiti e movimenti politici.

Torna la tassa di sbarco per le isole minori: non potrà superare i 2,5 euro ed è alternativa all'imposta di soggiorno.

Slitta al 31 dicembre 2017, l'obbligo di adeguare alle disposizioni antincendio le strutture di asili nido e alberghi.

Assunzioni. Via libera a 887 assunzioni nella polizia penitenziaria con lo scorrimento delle graduatorie dei concorsi. Previsto l'aumento della pianta organica dell'antitrust che che passa da 150 a 180 unità. Per assumere le 30 unità in più l'Authority è autorizzata a bandire le procedure concorsuali fino al 31 dicembre 2017. Stabilizzati anche i precari Istat: il termine di scadenza dei contratti a tempo determinato dei ricercatori è prorogato fino alla conclusione delle procedure concorsuali da bandire entro il 31 dicembre 2018, e comunque non oltre il 31 dicembre 2019.

Misure per il terremoto del Centro Italia

Prevista l'erogazione e il riparto dei contributi finanziari per gli anni dal 2017 al 2020 nei confronti dei comuni colpiti da eventi sismici. Per salvare i bilanci del Comuni del Cratere 2009 sono stati stanziati 14 milioni, di cui 12 milioni per L'Aquila. I Comuni dell'Abruzzo, dell'Emilia Romagna e del Centro Italia sono sollevati dal pagamento del contributo al fondo di solidarietà. Prorogata al 2017 la graduatoria del concorsone Ripam, che riguarda tecnici esperti di emergenza e di ricostruzione.

Per le zone colpite dal sisma del Centro Italia sono previsti inoltre altri strumenti molto importanti, tra cui la sospensione delle fatture relative alle utenze delle case inagibili, l'estensione fino al 31 dicembre 2017 dell'esclusione dalla base imponibile Irpef dei sussidi occasionali, la proroga al 31 dicembre 2017 dell'esenzione dal pagamento dell'imposta di bollo e dei termini riferiti a rapporti interbancari per le banche insediate nei Comuni interessati dagli eventi sismici. Previsto il differimento del pagamento dei mutui presso la Cassa Depositi e Prestiti accesi dai Comuni colpiti dal sisma del 2012.

Tra le richieste disattese dal Milleproroghe 2017 del Governo Gentiloni anche alcuni correttivi alla riforma pensioni 2016 e più nel dettaglio le richieste riguardavano la possibilità di accedere al cumulo gratuito dei contributi anche per Opzione donna e l’estensione a tutto il 2018 dello scivolo per le lavoratrici dipendenti. Niente da fare anche per il rinvio delle pensioni dei magistrati e l’Anm parla di una promessa disattesa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge Milleproroghe: le norme della discordia e tutte le novità su lavoro, fisco e pensioni

Today è in caricamento