rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Milleproroghe

Approvato il decreto Milleproroghe, slitta ancora il termine per la dichiarazione Imu

Il provvedimento ha incassato l'ok del Consiglio dei ministri e incide su più settori: dalla sanità con la proroga della ricetta elettronica alle nuove scadenze fiscali. Cosa cambia

Il decreto Milleproroghe è stato approvato dal Consiglio dei ministri di oggi, 21 dicembre 2022. A presiedere la riunione il vicepremier Matteo Salvini, vista l'assenza del premier Giorgia Meloni per una indisposizione. Il provvedimento incide su più settori: dalla sanità con la proroga della ricetta elettronica al supporto delle imprese che varano un piano di riorganizzazione alle nuove scadenze Imu.

Cosa contiene il decreto Milleproroghe punto per punto.

Ricetta elettronica

Il decreto Milleproroghe contiene la proroga di un anno della misura che permette ai medici di inviare i promemoria per i medicinali agli assistiti via email o messaggio. Si tratta di una possibilità introdotta per l'emergenza Covid e che, senza l'intervento di oggi, scadeva a fine dicembre.

La ricetta elettronica via email o messaggio è salva, ma solo per il 2023

Si conferma poi,  per il 2023, la facoltà del ministro della Salute di ripartire le quote premiali per il finanziamento del Servizio sanitario regionale a favore delle Regioni che hanno istituito una Centrale per gli acquisti e l?aggiudicazione di procedure di gara per l?approvvigionamento di beni e servizi e per quelle che hanno introdotto misure idonee in materia di equilibrio di bilancio.

Si proroga fino al 31 dicembre 2023 la possibilità per l?Agenzia italiana del farmaco di rinnovare i contratti di collaborazione coordinata e continuativa e i contratti di prestazione di lavoro flessibile in scadenza.

Le regole per i dehors

È prorogata al 30 giugno 2023 la possibilità per i pubblici esercizi titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l'utilizzazione del suolo pubblico, di posare in opera "temporaneamente, senza previa autorizzazione, su vie, piazze, strade e altri spazi aperti di interesse culturale o paesaggistic", strutture amovibili, quali dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni, purché funzionali all'attività degli esercizi stessi.

Le colonnine per i veicoli elettrici

Si estende al 2023 la durata dello stanziamento di 40 milioni di euro per l?erogazione dei contributi per l?installazione delle ?colonnine? per la ricarica dei veicoli elettrici.

Nuova scadenza per pagare l'Imu

Col decreto Milleproroghe slitta il termine per la presentazione della dichiarazione Imu, relativa all'anno di imposta 2021, al 30 giugno 2023 dal 31 dicembre 2022 attualmente previsto. 

Sicurezza energetica

Si proroga il termine per la riperimetrazione dei siti contaminati di interesse nazionale. Si ridetermina nel 30 giugno 2024 il termine previsto in materia di riqualificazione e riconversione del polo industriale di Piombino.

Alitalia in amministrazione straordinaria

L'amministrazione straordinaria di Alitalia "prosegue con finalità liquidatoria" fino al 31 dicembre
2023. Il decreto legge Milleproroghe concede un anno in più, rispetto all'attuale scadenza del 31 dicembre 2022, per l'indennizzo ai titolari di titoli di viaggio, di voucher o analoghi titoli emessi dall'amministrazione straordinaria, che "sono prioritariamente destinati al soddisfacimento in prededuzione dei crediti verso lo Stato".

Ita Airways, le nuove regole del governo Meloni per la cessione

Soldi per chi ha casa occupata abusivamente

Il decreto ibera, per l?anno 2023, le risorse stanziate dalla legge di bilancio 2022 e finite in un aposito fondo di solidarietà presso il ministero dell?interno (10 milioni di euro) per l?erogazione di un contributo nei confronti dei proprietari di unità immobiliari a destinazione residenziale non utilizzabili a causa dell?occupazione abusiva.

Aiuti alle imprese

Viene prorogato fino al 2025 il meccanismo del "contratto di espansione", il supporto alle imprese in crisi finanziaria che varino una riorganizzazione aziendale e favoriscano l'esodo anticipato verso la pensione dei dipendenti, che prima era previsto fino al 2023.

Il Milleproroghe conferma il limite minimo di organico per accedere al beneficio: non dovrà essere inferiore complessivamente a cinquanta incluse le aziende che abbiano sottoscritto, dal 2023 al 2025, un contratto di rete. Dal 1° gennaio 2023, invece, si dimezza a 500 il numero dei dipendenti, previsto originariamente a 1000, per quelle imprese di particolare rilevanza strategica che volessero accedere al contratto di espansione impegnandosi a un'assunzione per ogni 3 lavoratori prepensionati. In questo caso, si legge nella bozza, almeno il 50% dei lavoratori assunti non dovrà aver compiuto il trentacinquesimo anno di età al momento dell'assunzione. Legata a questo criterio anche la proroga per ulteriori 24 mesi della riduzione dei versamenti a carico del datore di lavoro dell'indennità mensile che dovrà riconoscere ai lavoratori che, a fronte della risoluzione del rapporto, si apprestino a pensionarsi volontariamente, fino al raggiungimento della prima decorrenza utile del trattamento pensionistico. 

Supporto alle imprese attive in Ucraina

Si proroga al 31 dicembre 2023 l?applicazione delle speciali misure di sostegno in deroga (cofinanziamento a fondo perduto) in favore delle imprese che esportano o hanno filiali o partecipate in Ucraina, nella Federazione russa o in Bielorussia e la possibilità di accedere a cofinanziamenti a fondo perduto, in favore di imprese esportatrici, al fine di far fronte agli impatti negativi sulle esportazioni

La Rai e l'editoria

I termini per il contratto di servizio della Rai con il ministero delle Imprese del Made in Italy (ex ministero dello Sviluppo Economico) viene differito al 31 luglio 2023. 

Prevista una proroga di 6 mesi, fino al 30 giugno 2023, dei contratti con le agenzie di informazione da parte di Palazzo Chigi.  

I contratti del personale sanitario

Vengono prorogati fino al 31 dicembre 2023, "nei limiti delle risorse disponibili a legislazione vigente", i contratti del personale sanitario, operatori socio-sanitari nonché specializzandi all'ultimo e penultimo anno di corso, reclutati per far fronte alla pandemia di Covid 19.

Gli operatori sanitari, già esentati dall'obbligo della fatturazione elettronica fino al 2022, potranno continuare a evitare questo adempimento anche nel 2023. 

Nuovi asili

Il decreto Milleproroghe prevede uno slittamento dal 30 marzo a fine maggio per l'aggiudicazione dei bandi riguardanti i progetti per i nuovi asili nido. Per gli asili nido e scuole dell'infanzia, infatti, preso atto dei ritardi accumulati in precedenza, il ministro dell'Istruzione Giuseppe Valditara nei giorni scorsi ha recepito le istanze di Anci e si è concordato di posticipare la scadenza interna dal 31 marzo 2023 al 31 maggio 2023 per dare un lasso maggiore di tempo ai comuni. Lo stato di avanzamento dei progetti del Pnrr per asili nido e scuole dell'infanzia è infatti affidato alla realizzazione degli Enti locali.

Il Piano coinvolge in particolare i Comuni, che sono chiamati a garantire la realizzazione di 2.189 interventi per un totale di 4,6 miliardi di euro suddivisi per 333 scuole dell'infanzia e 1.857 tra asili nido e poli dell'infanzia. Altri 381 progetti sono coperti da 700 milioni di euro messi a disposizione da fonti nazionali.

La riforma del lavoro sportivo

Si differisce al 1° luglio 2023 l'applicazione delle norme relative al riordino e alla riforma in materia di enti sportivi professionistici e dilettantistici. Si proroga sino al 30 giugno 2023 il mandato del presidente e degli altri organi in carica dell'Istituto per il credito sportivo.

Tutte le notizie su Today.it

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvato il decreto Milleproroghe, slitta ancora il termine per la dichiarazione Imu

Today è in caricamento