rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Trasporti

Montezemolo scende da Italo: non è più presidente Ntv

Al suo posto siederà Antonello Pericone, fresco della ricca buonuscita da 3 milioni di euro dal gruppo del Corriere della Sera. L'ex Ferrari: "Basta chiamarla compagnia di Montezemolo"

Luca Cordero di Montezemolo ha lasciato la presidenza di Nuovo trasporto viaggiatori (Ntv). Al suo posto il Cda ha nominato come presidente Antonello Perricone, che assume anche le deleghe fin qui assegnate al vicepresidente. Vincenzo Cannatelli lascia la vicepresidenza e rimane membro del Cda.

Il Cda ha preso atto con "rammarico" della decisione di Montezemolo di lasciare la presidenza, incarico che ha ricoperto fin dalla sua costituzione. Condivide la necessità espressa da Montezemolo di "evitare un'eccessiva personalizzazione di Ntv e che la stessa assuma una propria identità a prescindere da chi ricopra gli incarichi" e lo ha ringraziato per il grande contributo dato alla costruzione di questa nuova realtà del trasporto ferroviario europeo.

Il consiglio ha ringraziato anche il vicepresidente Cannatelli che ha lasciato le deleghe operative come da mandato, avendo completato la fase di avvio della società.

Montezemolo ha dichiarato: "Sono stati anni formidabili. Ho l'orgoglio di avere contribuito a creare dal nulla un'impresa che rappresenta oggi un'importante realtà imprenditoriale in Italia e in Europa. Un miliardo di euro di investimenti, mille persone di età media sotto i 30 anni, assunte a tempo indeterminato e un promettente successo commerciale, malgrado tante difficoltà. I crescenti impegni professionali mi impongono però un passo indietro che mi è permesso oggi che l'azienda è pienamente operativa. Continuerò a dare tutto il mio contributo al successo di questa società, come azionista e membro del Cda".

Il nuovo presidente, Antonello Perricone, viene dalla ricca (per lui) esperienza del cda del gruppo Rcs, di cui fa parte anche il Corriere della Sera. Solo una settimana fa Perricone ha lasciato il ruolo di amministratore delegato della società intascando ben 3,4 milioni di euro di buonuscita per cinque anni e mezzo di lavoro. Il tutto, nonostante il 'buco'di 938 milioni di euro (bilancio 2011).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montezemolo scende da Italo: non è più presidente Ntv

Today è in caricamento