Mercoledì, 4 Agosto 2021
Politica

Conti pubblici, botta e risposta Renzi-Ue: "L'Italia rispetti le regole"

Il commissario Ue agli Affari economici e finanziari, Pierre Moscovici, ha replicato alle parole dell'ex premier: “L'interesse dell'Italia ridurre il deficit”. Immediata la contro risposta del segretario del Pd

Matteo Renzi

L'Italia deve rispettare le regole dell'Unione Europea, che nel suo caso sono applicate in maniera intelligente e molto flessibile. L’interesse dell’Italia è quello di continuare a ridurre il suo deficit, per invertire la rotta del debito che pesa sulle generazioni future”, e di restare “un partner credibile, affidabile, impegnato nella zona euro e nel dibattito in corso per il suo approfondimento, perché abbiamo bisogno di un’Italia che sia una forza europeista”. 

Sono le parole di Pierre Moscovici, il commissario Ue agli Affari economici e finanziari, che ieri a Bruxelles ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano un commento sul progetto dell’ex premier e segretario del Pd, Matteo Renzi, di mantenere il deficit pubblico al 2,9% del Pil per tutti i cinque anni della prossima legislatura. Il commissario ha anche sottolineato di non avere più rapporti diretti con il segretario del Pd: “Da tempo, da più di un anno non ho avuto più scambi con Matteo Renzi, il nostro lavoro si svolge con gli interlocutori legittimi, che sono il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il mio amico Pier Carlo Padoan.

LA RISPOSTA DI RENZI Le critiche dell’Europa alla proposta di deficit al 2,9% sono “un film già visto” ma “vinceremo questa battaglia”. Lo ha detto Matteo Renzi, segretario Pd, a Radio Kiss Kiss Italia. “E’ un film – ha detto – che abbiamo già visto. Tre anni fa quando abbiamo fatto la battaglia per la flessibilità l’Europa all’inizio diceva ‘non esiste’, ‘non c’è nessuna possibilità’.

E invece nel giro di sei mesi, combattendo una battaglia durissima, la flessibilità ce la siamo presa, sono arrivati gli 80 euro e le altre misure. L’Italia ha fatto una battaglia e ha preso 20 miliardi di euro ed è stato un successo politico. Ora sta accadendo la stessa cosa. Io dico che questa proposta che abbiamo lanciato, chiunque sarà presidente del Consiglio, sarà presa in considerazione perchè segnerà il dibattito politico e sono sicuri che la vinceremo. Per me è importante che gli altri partiti capiscano che non è la proposta del Pd e di Renzi ma serve agli italiani”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conti pubblici, botta e risposta Renzi-Ue: "L'Italia rispetti le regole"

Today è in caricamento