rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Politica / Italia

Emilio Fede lancia il suo "partito" davanti a poche decine di persone

Al Teatro Nuovo di Milano, dove viene diffuso l'inno del movimento, poche decine di persone, "ma ci sono i media a raccontarlo", spiega il giornalista che conferma alcuni sondaggi i quali darebbero la sua creatura addirittura al 3%

Emilio Fede lancia il suo movimento politico. Cercare di capire e intercettare il malessere della gente e la sua volontà di cambiare. E' il principale obbiettivo del movimento 'Vogliamo vivere', che come motto ha "La dignità è un diritto", fondato dall'ex direttore del Tg4, Emilio Fede.

Al Teatro Nuovo di Milano, dove viene diffuso l'inno del movimento, poche decine di persone, "ma ci sono i media a raccontarlo", spiega il giornalista che conferma alcuni sondaggi i quali darebbero la sua creatura addirittura al 3%. Da parte sua spera che 'Vogliamo vivere' possa entrare in Parlamento anche per far valere una sua proposta: chi guadagna 100mila euro e oltre potrebbe versarne 2.500 a cinque famiglie che rasentano la soglia della povertà. Fede stesso lo farà per primo: "devo decidere se attraverso la Caritas o Exodus di Don Mazzi". Il giornalista ha apertamente criticato il sacerdote per non essere presente: "Don Mazzi ha sbagliato - ha detto -. Exodus è cresciuto anche con me, anche negli anni in cui non se lo filava nessuno".

Fede lancia il suo partito © Infophoto



Fede nel suo intervento fiume dal palco del Nuovo non risparmia nessuno: il premier Mario Monti ("continua a dire che stiamo affrontando la crisi e abbiamo tre milioni di famiglie che rasentano la soglia di povertà"), Beppe Grillo ("mi fa più ridere adesso di quando faceva il comico"), Antonio Di Pietro ("ricordo quando disse ai giornalisti 'abbiamo preso un pesce grosso'. Era Cagliari che si suicidò innocente in carcere"). Elogi per Milena Gabanelli: "Con il suo Report ha fatto emergere cose incredibili e una puntata costa 30mila, 40 mila euro". Rivela di aver ricevuto un sms da Matteo Renzi: "Si sarà sbagliato, me l'avrà mandato il suo assistente. E' anche simpatico, ma non lo vedo a capo di un governo". Silvio Berlusconi gli ha detto che la nascita del movimento "é una buona idea" e Fede ritiene che l'ex premier abbia "fatto bene" a tornare in prima linea. "Non lo so direttamente da Arcore - racconta -, ma so che giovedì annuncerà che tornerà in campo". (ANSA)

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emilio Fede lancia il suo "partito" davanti a poche decine di persone

Today è in caricamento