rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
MANIFESTAZIONE / Roma

No Monti Day: sabato di opposizione ad alta tensione

Il 27 ottobre in piazza a Roma migliaia di persone da tutta Italia: sindacati, operai, movimenti, studenti. Dopo gli scontri di un anno fa a piazza San Giovanni, città blindata.

Saranno in migliaia, da tutta Italia, le persone che scenderanno in piazza sabato a Roma per il No Monti Day. E sarà una giornata ad alta tensione: come un anno fa, quando la grande giornata di rabbia del 15 ottobre fu rovinata dagli scontri di Piazza San Giovanni, anche questa volta saranno molte, e diverse tra loro, le anime che comporranno il corteo.

Tra le decine di realtà che compongono il comitato promotore del No Monti Day, infatti, ci sono il Movimento No Tav, il Comitato No Debito, i partiti della sinistra radicale. E ancora: sindacati di base, studenti, movimenti territoriali e ambientalisti, diversi centri sociali, e migliaia di 'tute blu', dagli operai Fiat ai minatori sardi.

Al fianco di queste realtà, decine di adesioni individuali del mondo della cultura, dell'associazionismo fino alle amministrazioni locali. Adesioni tra le quali spicca quella del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris.

Il corteo partirà alle 14 da piazza della Repubblica per arrivare fino a piazza San Giovanni. Ed è proprio il tragitto, ad un anno di distanza da quel 15 ottobre, a far tornare alla mente gli scontri. Per questo l'intero percorso sarà letteralmente blindato. 

Ma altre due 'minacce' incombono, per sabato, sul traffico di Roma: un altro corteo, stavolta dei medici "per il diritto alla cura" che "in almeno 10mila" manifesteranno dalle 11 per il centro di Roma contro i tagli alla sanità del governo, e il meteo. Perché dalla notte di venerdì e per tutta la giornata di sabato sulla capitale sono attesi violenti temporali che hanno già fatto scattare l'allerta della protezione civile.

Gli organizzatori, però, di 'rischio ordine pubblico' non vogliono sentire parlare: "Ci auguriamo - hanno spiegato da Rifondazione Comunista e dall'Unione sindacale di base, le due realtà numericamente più importanti del corteo - che stavolta l'attenzione non sia solo sulle dinamiche di piazza e sul 'rischio scontri' ma anche sui contenuti della mobilitazione".

Contenuti che sono chiari e netti: no ai governi delle banche e dell'austerità. Basta con i diktat dell'Unione europea. Ma, soprattutto, iniziare a immaginare una vera opposizione - politica e sociale - a Monti e al montismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Monti Day: sabato di opposizione ad alta tensione

Today è in caricamento