rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Nuovo governo

Napolitano stoppa il Monti 'politico': "Faccia il premier"

Il capo dello Stato: "E' importante che Monti resti al governo fino al prossimo esecutivo". Le consultazioni per il nuovo governo partiranno da mercoledì. Così è saltata l'ipotesi del professore come presidente del Senato

Il "sacrificio" chiesto a Mario Monti è di rimanere premier fino al giuramento del prossimo governo in nome dell'interesse nazionale, perchè questa stabilità è "importante in sede europea" e per garantire la possibilità di assumere in ogni momento "ogni iniziativa necessaria per l'economia e l'occupazione".

Lo ha sottolineato in una dichiarazione il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, annunciando per mercoledì prossimo l'inizio delle consultazioni per la formazione del nuovo governo e spiegando il no opposto alla possibile candidatura di Mario Monti a nuovo presidente del Senato.

"Oggi - ha affermato Napolitano sulle presidenze della Camere - il primo punto fermo della nuova legislatura, nell'interesse generale del paese; così come resta un punto fermo - in una situazione che vede l'Italia esposta a serie incognite e urgenze - l'impegno del governo dimissionario rimasto in carica e in funzione sia pure con poteri limitati".

importante che in sede europea, e nell'esercizio di ogni iniziativa possibile e necessaria specie per l'economia e l'occupazione - ha quindi sottolineato il capo dello Stato - il governo conservi la guida autorevole di Mario Monti fino all'insediamento del nuovo governo (per la cui formazione inizierò le consultazioni di rito mercoledì 20). L'abbandono, in questo momento, da parte del presidente Monti, della guida del governo, genererebbe inoltre problemi istituzionali senza precedenti e di difficile soluzione. Apprezzo pertanto il senso di responsabilità e spirito di sacrificio con cui egli porterà a completamento la missione di governo assunta nel novembre 2011".

MONTI. "Napolitano ha sostenuto la sua posizione giuridica sulla base di alcuni appunti, io ho ribadito il mio dissenso sulla base di altri appunti. E' stato molto netto nella considerazione delle ricadute dal punto di vista giuridico-istituzionale, soprattutto sul piano internazionale. Io mi sono rimesso alle sue decisioni, pur non condividendole". Così Mario Monti ha raccontato a deputati e senatori di Scelta civica l'incontro con Napolitano, ed il 'no' del capo dello Stato all'ipotesi di una sua presidenza al Senato. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Napolitano stoppa il Monti 'politico': "Faccia il premier"

Today è in caricamento