Domenica, 29 Novembre 2020
Italia

Mattarella convoca Conte per formare il nuovo governo

Il Pd accetta la proposta di Conte premier. Ma dai 5 stelle arriva l'avvertimento: "Di Maio non si tocca. E a Rousseau spetterà l'ultima parola". L'accordo di governo col M5s spacca i dem: Calenda si dimette mentre Zingaretti propone di replicare l'alleanza con i 5 stelle anche alle elezioni regionali. Meloni: "Fdi in piazza"

Il presidente della Repubblica nel suo studio al Quirinale

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha convocato per le ore 9:30 di giovedì 29 agosto 2019 il presidente del Consiglio dimissionario Giuseppe Conte al Quirinale per affidargli l'incarico di formare un nuovo governo sorretto dalla nascente alleanza tra Movimento 5 stelle e Partito Democratico.

Nuovo governo, le notizie in diretta

  • ore 10:59 - Gentiloni: "Svolta green e sociale, lontano dai balconi"
    Subito dopo il discorso di Conte arriva il commento - via twitter - dell'ex premier e presidente del Pd Paolo Gentiloni: "Vogliamo un Governo europeista, una piena democrazia liberale, una svolta green e sociale. Comincia l’avventura. Asticella molto alta, alla larga dai balconi".
    Non sfugge la citazione critica nei confronti dell'attitudine degli esponenti del governo uscente.
  • ore 10:53 - Conte: "Governo nel segno della novità"
    "Avvierò consultazioni con tutti i gruppi parlamentari". Lo ha detto il presidente del consiglio incaricato Giuseppe Conte che ha voluto ringraziare Pd e 5 stelle per l'appoggio già dichiarato. "Dobbiamo metterci all'opera per definire manovra economica che contrasti l'aumento dell'Iva, che tuteli i risparmiatori e offra una solida prospettiva di crescita e sviluppo sociale. Dobbiamo trasformare il momento di crisi in occasione di rilancio". 
    Conte nel suo progetto di governo parla della prospettiva di "un Paese che veda un Mezzogiorno finalmente rigoglioso, un Paese nel quale la PA non sia permeabile dalla corruzione sia amica di cittadini e imprese, con una giustizia più equa e efficiente."
    "Mi ripropongo di creare una squadra di lavoro che si dedichi incessantemente a offrire ai nostri figli l'opportunità di vivere in un Paese migliore. Lavoreremo per un paese che rimuova le disuguaglianze di ogni tipo" ha concluso Conte citando il principio di dar vita ad un nuovo umanesimo.
  • ore 10:29 - Il segretario generale del Quirinale Ugo Zampetti ha annunciato che Conte ha accettato l’incarico con riserva.

Nasce il Conte bis: Mattarella riceve il premier, la diretta dal Quirinale

Secondo la prassi costituzionale il premier incaricato ha con riserva per sondare la solidità della nuova maggioranza nata dall'alleanza tra Movimento 5 stelle e Partito Democratico, cui si aggiungeranno i voti dei parlamentari di Liberi e Uguali e la non opposizione annunciata dal gruppo parlamentare delle autonomie e parte di senatori e deputati del gruppo misto.

Nuovo governo, le ultime notizie

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è attenuto alle indicazioni giunte dai gruppi parlamentari ascoltati durante le consultazioni

Dal Pd è ufficialmente caduto il veto su Giuseppe Conte: il segretario dem Zingaretti lo ha spiegato a Mattarella durante le consultazioni indicando il premier dimissionario come nome per il nuovo incarico da presidente del Consiglio. Resta il nodo del ruolo del vicepremier che il Pd rivendica chiedendo di farsi da parte al capo politico del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio.

Da Di Maio sono arrivate invece parole forti spiegando come la Lega avesse offerto a lui la carica di presidente del consiglio nel caso di una riedizione di un governo gialloverde. Un'offerta che il Movimento 5 stelle ha rifiutato sulla scia del nuovo accordo stretto con il Partito Democratico: alla luce delle polemiche aperte sugli incarichi di governo, Di Maio ha spiegato come la priorità ora sarà la creazione di programma omogeneo con il PD, poi spetterà al presidente della Repubblica di concerto con il premier incaricato decidere la squadra di governo.

Sullo sfondo la rabbia di Salvini che accusa i 100 parlamentari renziani - che avrebbero dovuto lasciare il parlamento in caso di elezioni anticipate - di aver interrotto la strada per le urne dopo la crisi di governo: ricordiamo come proprio una iniziativa di Matteo Renzi ha aperto la strada al governo giallorosso nonostante il primo diniego di Zingaretti.

In ambienti della nuova maggioranza si parla di un possibile voto di fiducia per il 9 settembre, tuttavia il destino del governo giallorosso dovrebbe passare tra le mani degli attivisti pentastellati che - come spiega il blog del M5s - saranno chiamati a votare un referendum online sulla piattaforma Rousseau.

Consultazioni, la diretta dal Quirinale

Al Quirinale attesa per le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Consultazioni, la diretta dal Quirinale

  • Ore 19:01 - Di Maio (M5s): "Costi quel che costi vogliamo evitare aumento Iva"
    "Se il Presidente dovesse dare l'incarico a Giuseppe Conte, chiederò di partire dalla formazione di un programma omogeneo, solo dopo si potrà decidere chi sarà chiamato a realizzare le politiche concordate". Lo ha detto Luigi di Maio dopo le consultazioni della delegazione del Movimento 5 stelle al Quirinale. "Abbiamo detto che a Mattarella che c'è un accordo con il Pd per dare Conte l'incarico di presidente del Consiglio. Abbiamo piena fiducia che possa essere un presidente garante delle politiche di Governo".
    Luigi Di Maio cita Pietro Nenni in un passaggio del suo discorso: "Qualcuno nella storia ha detto che in politica ci sono sempre due categorie di persone, quelli che la fanno e quelli che ne approfittano", ha detto il leader M5S.
    Da Di Maio l'abbraccio all'ex vicepremier Salvini: "Ho rifiutato l'offerta della Lega che mi aveva indicato a Mattarella come candidato presidente del Consiglio. Ringrazio la Lega e rinnengo il lavoro svolto nei 14 mesi".

di maio quirinale-2

La delegazione del M5s al Quirinale: Luigi Di Maio, insieme ai capigruppo M5S di Senato e Camera, Stefano Patuanelli e Francesco D'Uva

  • Ore 18:33 - Salvini (Lega): "Sconcerto per indecoroso teatrino, italiani ostaggio di 100 parlamentari"
    "Sconcerto per un Presidente del Consiglio indicato dal G7, italiani ostaggio dei cacciatori di poltrone". Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini uscendo dalle consultazioni con il capo dello Stato accusando Conte di essere investito dall'appoggio di Macron e Merckel. Salvini ha attaccato frontalmente il PD, ma esonera i 5S. "Dal Pd ci si aspetta di tutto, spudorato partito delle poltrone" citando i 100 parlamentari renziani che avrebbero dovuto lasciare il parlamento in caso di elezioni. Nel disegno di Salvini la strada per le elezioni anticipate è stata interrotta proprio dalla mossa di Matteo Renzi che ha aperto la strada al governo giallorosso.
    "Tutte le elezioni hanno visto perdere il Partito Democratico, tornato alla finestra da giochi di palazzo. Chi ha paura del voto non può scappare all'infinito. L'unico collante l'odio nei confronti della Lega".
    "Avevamo rimesso la delega dei ministeri agli italiani per farci giudicare e portare avanti la flat taxCon il Movimento 5 stelle abbiamo litigato dopo un anno, questi litigano per le poltrone ancora prima di andare al governo". Ha concluso Salvini per poi lanciare la sfida in vista delle prossime elezioni regionali.

salvini quirinale-4

La delegazione della Lega al Quirinale: Il senatore Massimiliano Romeo e l'onorevole Riccardo Molinari, capogruppo della Lega in Senato e Camera accompagnano il segretario federale Matteo Salvini.

  • Ore 17:22 - Berlusconi (Fi): "Governo Pd-M5s soluzione inadeguata"
    "Oppressione fiscale, burocratica e giudiziaria i nemici dell'Italia". Lo ha detto il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi uscendo dalle consultazioni con il capo dello Stato. Berlusconi ha annunciato che Forza Italia sarà all'opposizione: "FI non potrà che essere all'opposizione di questo Governo, che non nasce dalla volontà degli elettori ma, come il precedente, da una manovra di palazzo politicamente e programmaticamente debole".
    "L'orizzonte il centrodestra di cui siamo stati i fondatori di cui siamo pilastro - ha concluso Berlusconi - Oggi inizia un commino impegnativo per un centrodestra lontano da populismo e sovranismo". 

Silvio, che dici?", gaffe di Berlusconi al Quirinale 

berlusconi quirinale-2

La delegazione di Fi al Quirinale: Berlusconi con i capogruppo Bernini, Gelmini e il vicepresidente Tajani. 

  • Ore 17.20 - Airola (M5): "Il Pd è ancora il partito di Bibbiano". Dal senatore del Movimento 5 stelle Alberto Airola arriva un ultimo schiaffone diretto ai nuovi alleati di governo prima di spiegare: "Mi auguro che il nuovo governo sia l'occasione per fare qualcosa di sinistra".
  • Ore 16.24 - Zingaretti (Pd): "Vale la pena tentare"
    "Vale la pena tentare questa esperienza di governo" lo ha detto il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti usendo dalle consultazioni con il capo dello Stato a cui ha spiegato come sia stata accettata la proposta del Movimento 5 stelle di indicare il nome di Giuseppe Conte come presidente del Consiglio di un governo espressione di una nuova maggioranza retta in parlamento da una alleanza tra Movimento 5 stelle e Partito Democratico.

pd quirinale-2

La delegazione Pd al Quirinale: Zingaretti, Gentiloni, De Micheli, Delrio (Capogruppo Camera), Marcucci (Capogruppo Senato)

Va ricordato come il segretario del Pd Nicola Zingaretti si era da subito detto contrario ad una riconferma di Conte come premier, auspicando invece che si trovasse una convergenza con il Movimento 5 stelle per uno "governo di svolta" con una discontinuità sui nomi oltre che sui contenuti. Il veto era via via caduto per le pressioni delle correnti del Pd vicine alla ex segreteria di Matteo Renzi. 

Pd accetta proposta M5s per Conte premier: la diretta video dal Quirinale 

"Vale la pena tentare questa esperienza di governo" ha detto il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti uscendo dalle consultazioni con Mattarella al Quirinale. "Abbiamo riferito al Presidente di aver accettato la proposta del Movimento 5 Stelle di indicare, in quanto partito di maggioranza relativa, il nome del presidente del Consiglio, nome indicato dal M5S nei giorni scorsi".

  • Ore 15.14 - Orlando (Pd): "Condizioni perché Conte assuma l'incarico"
    "Al Quirinale diremo che ci sono le condizioni perché Conte assuma l'incarico di presidente del Consiglioche come sapete viene assunto con riserva finché non sono sciolti i punti programmatici". Lo ha detto il vicepresidente del Pd Andrea Orlando parlando con i giornalisti fuori dal Nazareno. Orlando conferma che c'è un nodo vicepremier. "Noi porremo questa questione anche con il capo dello Stato".

Cosa succederà quindi oggi? Con ogni probabilità il Capo dello Stato - in base alla trattativa in corso tra M5s e Pd per la formazione di una nuova maggioranza parlamentare - convocherà il presidente del consiglio dimissionario Giuseppe Conte per affidargli l'incarico per formare un nuovo governo. Secondo la prassi Conte potrebbe accettare con riserva per poi salire al Quirinale nei prossimi giorni con la lista dei ministri: per l'accordo Pd-5stelle sarà il primo vero banco di prova. Ancor prima saranno gli attivisti pentastellati ad essere chiamati a bollinare con il voto su Rousseau l'accordo con gli ex nemici. 

  • Ore 15.23 - M5s: "Piattaforma Rousseau titolare dell'ultima parola"
    "Il voto sulla piattaforma Rousseau si farà perché la piattaforma è titolare della prima e ultima parola della voce popolare". Così Massimo Bugani, esponente di primo piano del Movimento cinque stelle e membro del direttivo dell'associazione Rousseau, prima di entrare a Palazzo Chigi da Luigi Di Maio.

Per molti analisti uno sgarbo costituzionale, ma a tanto la nuova stagione politica ci ha abituato in quella che è senza dubbio la crisi di governo più insolita che la Repubblica italiana abbia esperito. 

Consultazioni, il calendario

Il Presidente della Repubblica dovrebbe esprimere le proprie intenzioni al termine del secondo giro di consultazioni, intorno alle ore 20:00. Attenzione in particolar modo alle ore 19:00 e alle ore 16:00 quando al Quirinale saliranno prima le delegazione del Pd e poi del Movimento 5 stelle e riferiranno al capo dello Stato l'esito della trattativa

Il centrodestra ribadirà la richiesta di elezioni anticipate. Giorgia Meloni ha annunciato che Fratelli d'Italia scenderà in piazza per protestare contro la nascita del nuovo governo. 

Consultazioni, la diretta dal Quirinale

  • ore 19.00 gruppi parlamentari "Movimento 5 stelle"
  • ore 18.00 gruppi parlamentari "Lega-Salvini premier"
  • ore 17.00 gruppi parlamentari "Forza Italia – Berlusconi presidente"
    Al Quirinale Silvio Berlusconi con Antonio Tajani (Vicepresidente), Mariastella Gelmini (Capogruppo Camera), Anna Maria Bernini (Capogruppo Senato);
  • ore 16.00 gruppi parlamentari "Partito Democratico"
    Al Quirinale Nicola Zingaretti (Segretario), Paolo Gentiloni (Presidente), Paola De Micheli (Vicesegretario), Delrio (Capogruppo Camera), Marcucci (Capogruppo Senato);
  • ore 11.00 gruppi parlamentari "Fratelli d’Italia"
    meloni fdi quirinale-2
    Giorgia Meloni ha annunciato che Fratelli d'Italia scenderà in piazza per protestare contro la nascita del nuovo governo: "Abbiamo ribadito la nostra posizione, chiara e semplice: l'unico sbocco possibile di questa crisi di Governo è lo scioglimento immediato delle Camere e il ritorno alle urne."
  • ore 10.30 gruppo parlamentare "Liberi e uguali" della Camera.
    Fornaro (LeU): "Abbiamo confermato la nostra disponibilità a verificare le condizioni per dare vita ad un nuovo Governo di svolta. Chiediamo però vi sia una forte discontinuità di programma."
  • ore 10.00 gruppo parlamentare "Per le autonomie (svp-patt,uv)" del Senato della Repubblica.
    Unterberger (SVP-PATT-UV): "Ci auguriamo nasca un nuovo Governo europeista, attento alle minoranze linguistiche e alle Regioni a statuto speciale. Nessuno di noi voterà contro, ci sarà chi voterà a favore e chi si asterrà".
  • Ieri le minoranze linguistiche alla Camera avevano annunciato la propria astensione al momento del voto di fiducia: "Valuteranno di volta in volta il proprio sostegno sui singoli provvedimenti".
  • Da +Europa era arrivato un distinugo. Come ha spiegato Bonino: "La decisione è rimandata ad un secondo momento".

Ricordiamo che il problema della maggioranza Pd-M5s è essenzialmente al Senato dove senza una pattuglia di responsabili la maggioranza del nuovo governo sarebbe tutt'altro che salda. Sono necessari i supporti di Leu e minoranze. 

numeri partiti senato-2

Calenda si dimette dalla Direzione Pd

"Caro Nicola, Caro Paolo, vi prego di voler accettare le mie dimissioni dalla Direzione nazionale del Partito democratico". Lo scrive Carlo Calenda in una lettera indirizzata a Nicola Zingaretti e Paolo Gentiloni in cui parla, tra l'altro, di "una decisione difficile e sofferta".

"Penso che in democrazia si possano, e talvolta si debbano, fare accordi con chi ha idee diverse, ma mai con chi ha valori opposti. Questo è il caso del M5S. Sapete bene che nulla abbiamo in comune con Grillo, Casaleggio e Di Maio. Ed è significativo il fatto che il negoziato non abbia neanche sfiorato i punti più controversi: dall'Ilva alla Tav da Alitalia ai Navigator. Un programma nato su omissioni di comodo non è un programma, è una scusa".

"Stringendo l'alleanza con il M5S, il Pd rinuncia a combattere per le sue idee e i suoi valori. E questo non posso accettarlo", scrive tra le altre cose l'eurodeputato che prevede: "Le elezioni arriveranno. Le avete solo spinte più in là di qualche metro. Quando sarete pronti a lottare ci troveremo di nuovo dalla stessa parte. Con amicizia".

Direzione Pd, Zingaretti: "Con M5s alleanza anche alle regionali"

"Alle prossime elezioni regionali andranno valutate alleanze che il nuovo quadro politico potrà favorire". Lo ha detto il segretario dem, Nicola Zingaretti, nel suo intervento alla Direzione del Pd ricordando come se le elezioni politiche sono scongiurate, altre importanti tornate elettorali coinvolgeranno prima l'Umbria, poi Calabria, Veneto, Toscana ed Emilia Romagna. 

"Alla fine di questo agosto unico e imprevedibile, il tema fondamentale resta lo stesso di quando questa crisi non c'era ancora: ed è fermare la destra peggiore che abbiamo mai conosciuto dal dopoguerra".

Ai delegati Pd Zingaretti ha spiegato lo stato della trattativa. "Giuseppe Conte sarà il candidato Presidente indicato dai 5 Stelle per la guida di un Governo fondato su un impianto e un programma diversi".

"Noi riconosciamo in questa scelta l'autonoma decisione del partito di maggioranza relativa in questa legislatura. Con questa volontà il M5S, ed è legittimo, rivendica la Presidenza del Governo. Ha rifiutato altre ipotesi". Con queste parole il segretario dem ha tuttavia spiegato come non vi saranno due vicepremier come nel passato governo. "In questa scelta è inciso il superamento di un modello sul quale si fondava il vecchio Governo. Una figura condivisa e due vice espressione dei due partiti della coalizione. Questo modello non c'è più".

Spread in calo: ai valori minimi da mesi

Lo spread tra Btp e Bund tedeschi chiude a 175 punti base. Il rendimento del decennale si mantiene sui minimi di sempre, attestandosi all'1,03% dopo essere sceso in giornata per la prima volta sotto la soglia dell'1%. Il rendimento del Btp decennale era sceso vicino a questo livello (1,04%) nell'agosto del 2016 e nel marzo del 2015.

spread ultimi mesi-2

Lo spread tra Btp e Bund tedeschi, già in caduta libera da ieri, si attesa a 175 punti base.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mattarella convoca Conte per formare il nuovo governo

Today è in caricamento