rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Politica Torino

Olimpiadi 2026 a Torino? Si può fare, c'è la "benedizione" di Grillo

Il capoluogo sabaudo non è Roma: dopo il no del Movimento 5 stelle alla candidatura della Capitale ai Giochi del 2024 il comune amministrato dal sindaco pentastellato Chiara Appendino ha presentato lo studio di fattibilità

Olimpiadi 2026 a Torino? Beppe Grillo dice sì alla manifestazione d'interesse per ospitare i Giochi olimpici invernali nel capoluogo sabaudo.

Il fondatore del Movimento 5 stelle venerdì sera è intervenuto telefonicamente alla riunione degli attivisti torinesi che da ore stavano dibattendo sull'opportunità di firmare la manifestazione d'interesse da indirizzare, entro fine mese, al Comitato Olimpico Internazionale.

"Dobbiamo provare a ideare una Olimpiade diversa, una olimpiade sostenibile - spiega Beppe Grillo - Non possiamo perdere l'opportunità di dimostrare che il Movimento sa raccogliere le sfide e provare a gestire cose complicate".

Torino 2026: investimento da 2 miliardi

Tutto cambiato rispetto al no assoluto alle Olimpiadi di Roma 2024 pronunciato dal Movimento 5 stelle per bocca del sindaco Virginia Raggi. Intanto la macchina olimpica si è messa in moto. Come documenta TorinoToday uno studio di pre-fattibilità è già stato presentato. La Camera di Commercio del capoluogo sabaudo si è riunita per rilanciare gli stessi impianti di Torino 2006.

I Giochi costerebbero un miliardo di euro in meno rispetto al 2006

"Si ipotizza infatti la valorizzazione degli investimenti già fatti, privilegiando il rilancio e il riutilizzo del patrimonio esistente e favorendo il più basso impatto ambientale possibile" .

In attesa che Chiara Appendino si pronunci, e potrebbe farlo il 14 marzo, giorno del consiglio Metropolitano, i dati messi nero su bianco illustrati da Vincenzo Ilotte, presidente della Camera di commercio, sembrerebbero pendere in favore di Torino per l'organizzazione di quelle Olimpiadi che per volere del Cio dovrebbero rispettare i canoni di sostenibilità e di legacy. I costi sarebbero i più bassi in assoluto. Rispetto alla spesa per l'organizzazione del 2006 che si aggirò attorno ai 3 miliardi e 100 milioni di euro - per gli impianti e la gestione dell'evento -, per il 2026 si spenderebbe un miliardo di euro in meno. Nello specifico il risparmio sarebbe proprio sull'allestimento di impianti e infrastrutture per cui i costi si aggirerebbero sugli 850milioni di euro contro il miliardo e 850 del 2006.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olimpiadi 2026 a Torino? Si può fare, c'è la "benedizione" di Grillo

Today è in caricamento