Di Maio dice sì alla pace fiscale e no al condono: ma sono la stessa cosa

Il leader dei 5 stelle ha messo in chiaro il 'paletto' in vista della Manovra, dicendo però di essere d'accordo con la proposta della Lega. Ma la sanatoria ideata dal Carroccio è a tutti gli effetti un condono

Luigi Di Maio (FOTO ANSA)

Pace fiscale sì, condoni no. Il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha palesato i suoi 'paletti' in vista della Manovra economica: “Il  Movimento 5 Stelle non è disponibile a votare nessun condono. Se stiamo parlando di pace fiscale, di saldo e stralcio siamo d'accordo, ma se parliamo di condoni non siamo d'accordo”. 

Il leader dei 5 stelle ne ha parlato a margine della visita al salone Micam, in corso alla Fiera di Milano: “Abbiamo già visto per anni i Governi Renzi fare scudi fiscali che hanno creato solamente deterrenti a comportarsi bene e hanno fatto sempre pensare che in questo Paese una via d'uscita all'evasione ci potesse essere”. Frasi che non fanno una piega, se non fosse per un piccolissimo particolare di grande importanza: la pace fiscale, per come è stata proposta dalla Lega, non è altro che un condono. 

La pace fiscale della Lega

Per capire meglio di cosa stiamo parlando, andiamo a vedere nel dettaglio cosa prevede la pace fiscale ideata dal Carroccio: una sanatoria delle cartelle esattoriali con un'aliquota del 10% per chiudere i cosiddetti 'conti col passato', più bassa rispetto al 15% che era stato ipotizzato fino a questo momento. Invece, per quanto riguarda il tetto di imposta e le multe dovute, in campagna elettorale si era parlato di una soglia sui 200mila euro che adesso potrebbe salire fino ad un milione di euro

Flat tax e reddito di cittadinanza, a che punto siamo: il piano del governo

pace-fiscale-condono-in-arrivo-2

Alla luce di questa proposta, rimane un grande punto interrogativo sulle parole di Di Maio. Se la pace fiscale che ha in mente il Governo è in realtà un condono, quale sarà il reale comportamento dei 5 stelle nei confronti di questa misura?

Questione di semantica

Un quesito posto su Twitter anche da Alessia Rotta, vicepresidente vicaria dei deputati del Partito Democratico: “Qualcuno spieghi a Di Maio che condono e pace fiscale sono la stessa cosa. Si tratta sempre di aiutare gli evasori e mortificare chi paga le tasse. Evidentemente per di Maio governare è solo una questione semantica”. 

Sul fatto che non esista differenza tra pace fiscale e condono è intervenuto anche l'economista Carlo Cottarelli: “Per qualunque definizione internazionale la pace fiscale è un condono”. La conferma è arrivata durante l'intervista rilasciata al programma 'Circo Massimo' su Radio Capital, condotto da Massimo Giannini e Jea Paul Bellotto: “Si dice sempre che è l'ultimo perché cambiano le regole, ma i cittadini ormai hanno capito che poi ce ne sarà un altro”.

Rossi: "Condoni fregano i cittadini corretti"

Sulla questione è intervenuto anche il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che su Facebook ha scritto: "Di Maio assicura che non vuole condoni fiscali. Per lui devono chiamarsi 'pace fiscale'. Io, come presidente della Toscana mi preoccupo sempre di recuperare l'evasione sulle tasse, bollo auto, ticket e altro. Per me, fare i condoni significa fregare i cittadini che si sono comportati correttamente, pagando ciò che era dovuto, anche se non lo ritenevano giusto. Ma questi governanti nazionalpopulisti sono solo dei furbetti che, cambiando un nome, pensano di prendere in giro gli italiani perbene".

Sull'argomento è tornato anche lo stesso Di Maio a margine del vertice con il presidente di Assolombarda Carlo Bonomi: "Chi è in difficoltà economica deve pagare le tasse. Noi diciamo solo che queste persone si devono sedere con l'Agenzia delle Entrate e trovare un accordo. E poi pace, amici come prima. Se ci sono piccoli imprenditori o risparmiatori, padri e madri di famiglia che hanno contenziosi con l'Agenzia delle Entrate o con le pa, queste persone hanno il diritto di dire basta". Nonostante questo, una cosa è certa, in vista della legge di Bilancio, su pace fiscale e condoni urgono ulteriori chiarimenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: un 5stella vince 1.952.527 euro

  • Lotto e SuperEnalotto, estrazioni di oggi martedì 11 agosto 2020: numeri vincenti

  • Nuovo Dpcm, ci siamo (quasi): le regole in vigore dal 10 agosto, cosa cambia per gli italiani

  • Tour de France 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 8 agosto 2020

  • Il cambiamento di Gianni Sperti: “Superare il pregiudizio è stata la vittoria più grande”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento