Mercoledì, 3 Marzo 2021
L'identikit

Patrizio Bianchi: chi è il ministro dell'Istruzione del governo Draghi

Nato in provincia di Ferrara, 69 anni, economista e docente universitario: l'identikit dell'uomo scelto dal nuovo premier per prendere il posto di Lucia Azzolina

Il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi (Foto Ansa)

Ci sarà Patrizio Bianchi alla guida del ministero dell'Istruzione del governo Draghi. Il premier incaricato ha scelto il professore di politica industriale come titolare del dicastero, con Bianchi che prende il posto di Lucia Azzolina dopo aver vinto il ballottaggio con Cristina Messa, l'altro nome caldo degli ultimi giorni. Oltre ad essere una accademico, il nuovo ministro dell'Istruzione è anche uno dei professori di Economia applicata più stimati in Italia che, durante i suoi studi, si è sempre interessato alla scuola e al contributo che può dare alla crescita economica. 

Chi è Patrizio Bianchi, il nuovo ministro dell'Istruzione

Nato nel 1952 a Copparo, in provincia di Ferrara, Patrizio Bianchi è un economista e docente all’Università di Ferrara, nella sua carriera ha ricoperto diversi incarichi. Per quanto riguarda l'esperienza politica è stato Assessore all’Istruzione in Emilia Romagna per due mandati, mentre dal lato accademico ha insegnato alle Università di Trento, Udine e Bologna. Nel 1998 ha fondato la Facoltà di Economia dell’Università di Ferrara, ora Dipartimento di Economia e Management, dove tuttora insegna. Patrizio Bianchi è stato anche Rettore dell’Università di Ferrara fino al 2010 e Presidente della Fondazione della Conferenza dei Rettori delle Università italiane.

Come ministro dell'Istruzione Bianchi dovrà fronteggiare non soltanto le problematiche passate, ma anche quelle nate a causa della pandemia di coronavirus. Una questione che il neo ministro conosce bene, visto che nel 2020 ha coordinato la task force ministeriale, formata dal''ex Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina per la gestione della ripartenza scolastica nell'ambito della pandemia di Covid-19. Il compito di Bianchi era quello di "formulare e presentare idee e proposte per la scuola con riferimento all’emergenza sanitaria in atto, ma anche guardando al miglioramento del sistema di Istruzione nazionale". Tra le ipotesi sul tavolo per la scuola c'è anche quella di prolungare fino all'estate l'apertura degli istituti, così da consentire la conclusione regolare dell'anno scolastico. Una 'strada' al momento bocciata sia dai presidi che dai sindacati.

 

Patrizio Bianchi è anche direttore scientifico della Fondazione Internazionale Big Data e Intelligenza Artificiale per lo Sviluppo Umano e ha all’attivo 250 articoli scientifici e 40 libri. Insomma, un docente che ha un curriculum di tutto rispetto nel mondo scientifico e della ricerca e che ha dalla sua anche esperienze amministrative.

La lista dei ministri del governo Draghi

Patrizio Bianchi tra studi e insegnamento

Il neo ministro dell'Istruzione ha conseguito nel maggio del 1976, una laurea in Scienze Politiche con lode all'Università di Bologna, per poi perfezionare gli studi alla London School of Economics con il Professor Basil Yamey. In Inghilterra inizia a lavorare presso laa Price Commission britannica, seguendo un'inchiesta sul controllo dei prezzi nel settore del cemento, argomento a cui dedicherà il suo primo saggio, pubblicato nel 1980 per i tipi de Il Mulino.

Dopo essere tornato in Italia, nel 1980 diventa ricercatore  presso la Facoltà di Economia dell'Università di Trento, per poi trasferirsi a Bologna due anni dopo. Nel 1986 diventa Professore Associato a Bologna, fino al 1994, quando si trasferisce all'Università di Ferrara, di cui è stato Rettore dal 2004 al 2010. A Ferrara è stato nel 1998 il fondatore e ideatore della ex Facoltà di Economia, in cui attualmente ricopre il ruolo di Professore Ordinario di Economia e Politica Industriale (Economia Applicata). 

Il sondaggio: Bianchi promosso come ministro dell'Istruzione

Anche secondo gli studenti Patrizio Bianchi è il nome giusto per il ministero dell'Istruzione. A rivelarlo è un sondaggio realizzato da Orizzonte Scuola sul prossimo ministro dell'Istruzione. Gli utenti della testata on line hanno scelto tra una serie di nomi quello che avrebbero preferito: il nome di Bianchi ha prevalso, rispetto a quello di Azzolina, ex ministra. Il 33,09% degli utenti (pari a 1178) dice sì a Bianchi, mentre il 30,62% degli utenti (pari a 1090) non sarebbe contrario alla riconferma della deputata pentastellata. Più staccati gli altri, Antonella Polimeni, Cristina Messa e Antonio Malaschini. Polimeni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patrizio Bianchi: chi è il ministro dell'Istruzione del governo Draghi

Today è in caricamento