rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Politica Italia

PD a rischio crac: i renziani sono 120 su 209 e firmano un documento contro Martina

Un documento promosso da Lorenzo Guerini e dai cosiddetti renziani moderati impegna la direzione nazionale a non "contarsi" per non rendere evidente una "spaccatura che indebolirebbe il Partito Democratico". Intanto esplode la polemica per il sito Senzadime.it

"Non vorrei che qualcuno utilizzi qualche pretesto per rompere". Matteo Renzi lo dice a denti stretti al termine della riunione del gruppo Pd del Senato che ha nominato l'Ufficio di presidenza in vista della Direzione nazionale.

"Ma che pensavano, che sarei stati zitto...?!".

No a "conte interne" in Direzione perchè sarebbe "dannoso", sì a un Pd "pronto a confrontarsi con tutti ma partendo dal rispetto dell'esito del voto: per questo non potremmo assolutamente votare la fiducia a un governo guidato da Salvini o Di Maio". Sono questi i tre punti contenuti in un documento elaborato da esponenti renziani del Pd in vista della direzione del partito di domani.

Il testo proposto dal "renzianissimo" Lorenzo Guerini e promosso tra i parlamentari dem per scongiurare la conta in direzione, ha raccolto l'adesione anche i capigruppo di Camera e Senato, Graziano Delrio e Andrea Marcucci. In totale, 120 firmatari su 209 componenti della direzione nazionale.

"Il documento proposto da Lorenzo Guerini vuole essere una base di discussione e non una ulteriore occasione di divisione". Lo sottolinea il capogruppo Pd alla Camera, Graziano Delrio. "Uniti siamo tutto, divisi siamo nulla. Da qui, dall`unità del Partito Democratico, debbono partire lo spirito e la sostanza del nostro confronto".

L'impostazione renziana ha mandato su tutte le furie la composita area che fa riferimento al segretario reggente Maurizio Martina che, come nota l'agenzia Dire, vi legge al contrario il sintomo di una difficoltà dei renziani a mantenere la maggioranza in direzione e a gestire in termini politici una divisione così eclatante.

Dopo il 'non expedit' televisivo di Renzi, domenica sera da Fabio Fazio, i dirigenti vicini a Martina chiedono una discussione vera e un chiarimento a partire dal ruolo del segretario reggente. Da questo punto di vista la direzione dovrà confermare la fiducia a Martina, riconoscendogli ovviamente piena legittimità nella fase delle trattative tra le forze politiche in vista della formazione del governo. 

Pd, la mozione Guerini

"Siamo parlamentari eletti con il Partito Democratico e membri della Direzione Nazionale. Proveniamo da storie e percorsi diversi. Non sappiamo se il prossimo congresso ci vedrà sulle stesse posizioni o se, del tutto legittimamente, sosterremo altri candidati.

Pensiamo tuttavia che tre punti chiavi ci uniscano in modo forte: 1. Crediamo dannoso fare conte interne nella prossima Direzione Nazionale. È piu' utile riflettere insieme sulla visione che ci attende per le prossime sfide e sulle idee guida del futuro del centrosinistra in Italia. 2. Crediamo che lo stallo creato dal voto del 4 marzo sia frutto dell'irresponsabilità del Centrodestra e del Movimento Cinque Stelle che con la loro campagna elettorale permanente hanno messo e stanno continuando a mettere in difficolta' il nostro Paese. 3. Crediamo che il PD debba essere pronto a confrontarsi con tutti, ma partendo dal rispetto dell'esito del voto: per questo non potremmo assolutamente votare la fiducia a un governo guidato da Salvini o Di Maio. Significherebbe mancare di rispetto verso gli elettori e verso coloro che hanno creduto alle riforme realizzate negli ultimi anni e alle idee contenute nel programma con cui ci siamo presentati agli italiani. Ci auguriamo che l'intera comunità del Partito Democratico sappia affrontare i passaggi difficili di questa stagione politica in modo coraggioso e il più possibile unitario".

Bufera sul sito SenzadiMe.it 

Ha scatenato un'ulteriore bufera nel Pd il sito 'senzadime.it' che pubblicava i nomi dei favorevoli e dei contrari - in direzione Pd - al dialogo con M5s. I nomi sono ora stati cancellati, al loro posto ci sono solo tanti "omissis", ma in calce alla home page c'è una piccola presentazione di colui che rivendica la parternità dell'iniziativa: "Sono Alberico De Luca - scrive - elettore del Pd, ho realizzato questo sito per offrire uno strumento di trasparenza sulle scelte del Partito Democratico in merito a un eventuale accordo di governo con il Movimento 5 Stelle".

La scelta di sostituire i nomi con gli "omissis" viene spiegata sulla home page: "Il Pd non è una società privata come la Casaleggio associati. È un partito plurale, aperto, in cui tutti i membri della direzione nazionale esprimono la loro legittima idea. Alcuni esponenti del Partito democratico hanno chiesto di chiudere questo sito che si limita a riportare opinioni espresse pubblicamente, come nelle migliori tradizioni anglosassoni, con i riferimenti e i link ai tweet e alle dichiarazioni. Era ispirato a un principio di trasparenza democratica nelle scelte fondamentali che connotano la vita nazionale. Non intendeva dividere il Partito, ma informare gli elettori. Su ogni nome adesso troverete un 'omissis', vista l`intenzione dei diretti interessati a non mostrare la propria linea politica in forma aggregata".

È rimasto, invece, quella sorta di manifestino che spiega le ragioni del sito: "La responsabilitá di una scelta: Il 3 maggio la direzione nazionale del Partito democratico deciderà sull`accordo di governo con il Movimento 5 Stelle. In questa pagina raccogliamo l`orientamento di ogni singolo componente della Direzione Nazionale, sulla base delle dichiarazioni espresse sui social o a mezzo stampa. Perché l`informazione è un diritto, la trasparenza un dovere".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PD a rischio crac: i renziani sono 120 su 209 e firmano un documento contro Martina

Today è in caricamento