Sabato, 19 Giugno 2021
Fondi Pdl / Roma

Pdl: tra scandali e liti, gli ex An pensano alla scissione

Berlusconi deve fare i conti con il calo nei sondaggi e la voglia dei 'colonnelli' di sfilarsi dal partito. Da qui la decisione di aspettare cosa sarà della legge elettorale

Un po' i sondaggi che danno il Pdl ormai sotto il 20% dei consensi. Molto gli scandali e i litigi. Fatto sta che quello che una volta era conosciuto come 'il partito di Berlusconi' è ormai vicino all'implosione

Da una parte il caso Lazio, dall'altra le liti sulla composizione delle liste in Sicilia che rischia di far deflagrare l'ormai sempre più difficile equilibrio tra ex An ed ex Fi. 

COLONNELLI DI SCISSIONE. Domani ci sarà una riunione degli ex colonnelli per decidere se accelerare o meno sulla strada della cosiddetta scissione pilotata. Si vedranno Ignazio La Russa, Maurizio Gasparri, Giorgia Meloni e anche Gianni Alemanno. Poi ci dovrebbe essere un confronto con il Cavaliere. 

BERLUSCONI IN ATTESA. Ufficialmente la posizione del capo del Pdl è, tanto per cambiare, attendista. Nei suoi ragionamenti va ripetendo che una eventuale scissione 'dolce', con conseguente nascita di una federazione, sarebbe legata alla legge elettorale. Se resta il Porcellum - e Berlusconi si starebbe sempre più convincendo di questo scenario - la prospettiva dei separati in casa potrebbe essere conveniente. La sensazione che l'ex premier dà ai suoi interlocutori, tuttavia, è che se gli ex An andassero via 'a prescindere', non si straccerebbe certo le vesti anche perché sarebbe un viatico a quel rinnovamento che da tempo va ipotizzando ma che finora si è sempre arenato di fronte alle immancabili richieste di 'chiarimenti'. 

CAOS INTERNO. Tra molti ex Fi della prima ora, inoltre, c'è la convinzione che quello degli ex finiani sia un tiramolla finalizzato solo a garantirsi un tot di posti in lista, tanto che si sprecano battute del tipo: "Magari se ne andassero, ma tanto non lo fanno". Fratelli coltelli. 

SONDAGGI CHOC. A preoccupare Berlusconi, però, c'è anche il calo dei sondaggi, per quanto messo in conto. Le ultime rilevazioni che gli sono state consegnate dalla fidata Ghisleri avrebbero riportato il Pdl un paio di punti sotto quota 20, vanificando quel poco di 'risalita' registrato negli ultimi mesi. La colpa, ovviamente, Berlusconi la dà allo scandalo Lazio e a certa gente, avrebbe detto, "che non ci rappresenta".

"Questo Pdl - avrebbe confidato - ormai non ha più nulla di me". E così, oscillando tra ragionamenti di convenienza e di pancia, il Cavaliere continua a non sciogliere la riserva sulla sua candidatura. Il massimo che confida a chi lo incalza è "io sono a disposizione". Ma il principaleinteresse dell'ex premier è quello di avere voce in capitolo nella prossima legislatura, anche se questo dovesse voler dire non candidarsi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pdl: tra scandali e liti, gli ex An pensano alla scissione

Today è in caricamento