rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Politica

Crisi di governo, 608 parlamentari senza pensione se si vota prima del settembre 2017

Col voto anticipato la stragrande maggioranza dei parlamentari perderebbe poltrona e contributi versati: ecco perché molti deputati e senatori sperano di restare in carica fino a settembre (quando scatterebbe la pensione)

Cosa succede se il capo dello Stato Sergio Mattarella scioglie le Camere per il voto anticipato? Semplice: ben 608 tra deputati e senatori perderebbero non solo la poltrona ma anche i contributi versati come parlamentari. Sono "in pericolo" le posizioni dei parlamentari alla prima esperienza, in particolare 417 deputati sui 630 totali alla Camera e 191 su 315 al Senato. In totale, ben 608 su 945.

A pensar male degli altri si fa peccato ma spesso si indovina, diceva Giulio Andreotti. E allora pensiamo male: la speranza degli onorevoli è di ritardare l'appuntamento col voto prolungando così la legislatura fino a settembre 2017.

L'assegno della pensione, infatti, scatta per loro solo se rimangono in carica almeno quattro anni, sei mesi e un giorno, una soglia minima fissata dal regolamento in vigore dal primo gennaio del 2012 (si tratta di un provvedimento del governo Monti). Ecco perché deputati e senatori alla prima legislatura sperano di restare in carica fino a settembre 2017, quando appunto scatterebbe la pensione.

I seicento "a rischio" appartengono a tutte le forze politiche, ma sono soprattutto grillini, ex Movimento 5 stelle, appartenenti al Gruppo Misto e 209 del Partito democratico. I versamenti dei parlamentari sono trattati come gestione separata e non si possono né ricongiungere ad altri profili previdenziali né riscattare, per cui se non si maturano i requisiti stabiliti dal governo Monti andranno irrimediabilmente perduti. Il diritto a ricevere il trattamento pensionistico ormai si matura solo al conseguimento di un duplice requisito, anagrafico e contributivo: il parlamentare ha diritto al vitalizio solo dopo avere svolto il mandato per almeno quattro anni e mezzo e una volta compiuti 65 anni di età. Per ogni anno di mandato oltre il quinto, il requisito anagrafico è diminuito di un anno sino al minimo di 60 anni.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi di governo, 608 parlamentari senza pensione se si vota prima del settembre 2017

Today è in caricamento