Domenica, 29 Novembre 2020
Politica

Primarie - Renzi, Cuperlo, Civati: chi si prende il Pd? LA DIRETTA

Renzi favoritissimo, Cuperlo è lo sfidante e Civati l'outsider: stasera il Pd, partito di maggioranza del governo Letta, avrà un nuovo segretario. La diretta della giornata minuto per minuto: superati i 2 milioni di votanti

ROMA - Il favoritissimo è Matteo Renzi, forte di un consenso che si aggira secondo gli ultimi rilevamenti intorno al 60%; lo sfidante è Gianni Cuperlo, l’ex delfino di Massimo D’Alema; l'outsider è Pippo Civati, l'ex compagno di rottamazione del sindaco di Firenze. 

I RISULTATI IN DIRETTA

Mancano pochi chilometri al traguardo: nella notte dell'Immacolata il Pd, partito di maggioranza del governo Letta, avrà un nuovo segretario. Un segretario che, dopo la guida "sfortunata" di Bersani e la parentesi del traghettatore Epifani, vorrà prendersi partito e Paese.

I democratici avranno un leader subito se uno tra Renzi, Cuperlo e Civati raggiungerà il quorum del 50%. Se così non fosse, il segretario verrebbe eletto dall’Assemblea nazionale con un ballottaggio a voto segreto. I tre cercano di scongiurare la bassa affluenza, prevedendo 2 milioni di partecipanti. Ai gazebo nel 2007, quando fu eletto Walter Veltroni, andarono 3,5 milioni di persone; nel 2009, con Bersani vittorioso, furono 2,8 milioni; il record fu raggiunto nel 2012 con quasi 4 milioni di votanti. "Ora o mai più, è l'ultima occasione per cambiare tutti insieme l'Italia", è l'appello di Renzi che spera di incidere dentro il Pd e dentro il governo. 

Today.it seguirà la giornata delle primarie - si vota dalle 8 alle 20 in oltre novemila gazebo allestiti in tutta Italia - minuto per minuto, con aggiornamenti in tempo reale dai seggi e una "marcatura a uomo" sul sindaco di Firenze, che in serata dovrebbe pronunciare il discorso da vincitore.

primarie pd-5-2

GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

- Seggi aperti regolarmente alle 8 nei circa novemila gazebo allestiti in tutta Italia: al voto possono accedere tutti i cittadini che hanno compiuto 16 anni.

CODA AL SEGGIO DI RENZI - Piccola coda di anziani elettori in attesa, già da prima delle 8, orario di apertura dei seggi per le primarie per il segretario del Pd, al circolo Arci della centrale piazza dei Ciompi a Firenze.

ROSSI: "VOTO CUPERLO" - "E ora a votare per le primarie. Sapete che voterò Cuperlo. Chiunque vinca avrà il mio sostegno leale e, sono certo, saprà farsi carico, con senso di responsabilità, di mantenere unito il partito". Lo ha scritto il governatore toscano Enrico Rossi sul suo profilo Facebook.

MATTEO RENZI AL SEGGIO - Renzi è arrivato intorno alle 9.20 al seggio di piazza dei Ciompi di Firenze. Il seggio è quello dove l'anno scorso il sindaco ha votato in entrambi i turni per le primarie per il centrosinistra. Prima di entrare si è fermato a parlare con un gruppo di studenti dell'Isia, a rischio chiusura, che per l'occasione hanno inscenato un flash mob per chiedere attenzione sulla sorte della loro scuola. "Nessuna sfida sull'affluenza - ha detto - la sfida è tra chi arriva primo". 

renzi vota primarie-2

(Matteo Renzi ha votato stamattina a Firenze)

LETTA HA VOTATO A ROMA - Il premier Enrico Letta è stato tra i primi cittadini in fila per votare alle primarie. Di buon mattino, Letta si è presentato al seggio allestito nel Circolo Pd nel quartiere Testaccio a Roma, dove abita. "Ho già trovato coda. Buon segno!", ha scritto poi su Twitter, sottolineando la partecipazione al voto, in questa domenica mattina. Dopo aver deposto la sua scheda nell'urna, Letta ha salutato i militanti impegnati nella gestione del seggio elettorale ed è andato a messa.

CUPERLO AL SEGGIO - Gianni Cuperlo è arrivato nel seggio di piazza Verbano a Roma per votare e si è intrattenuto con i giornalisti prima di entrare, ringraziando i volontari che hanno fatto funzionare la macchina delle primarie. "Da domani il Pd sarà più forte", ha commentato.

MARINO PER RENZI - "Ho votato per Matteo Renzi". Lo ha detto il sindaco di Roma, Ignazio Marino, dopo aver votato al circolo di via dei Giubbonari, nel centro storico della Capitale.

DI PIETRO NON PUÒ VOTARE - Antonio Di Pietro non ha potuto votare per le primarie del Pd nel seggio di Montenero di Bisaccia. Di Pietro si era recato alle 9.30 di questa mattina nell'aula consiliare del comune di Montenero, dove è stato allestito il seggio dal Partito democratico, ma al suo arrivo gli è stato comunicato di non poter partecipare alle primarie. A questo punto ha lasciato il seggio. Non può partecipare perché non ha mai aderito a gruppi del Pd, non è un eletto all’interno delle liste del partito e non è un iscritto. Non può votare inoltre chi fa parte della dirigenza di altri partiti ed è proprio questo il caso di Di Pietro che è ancora presidente dell’Italia dei Valori.

CIVATI A MONZA - «Se vinco io è chiaro che c'è un po' di panico». È quanto ha detto Pippo Civati, candidato alle primarie del Pd, arrivando al seggio di Monza dove vota. «Se vinco io - ha spiegato - è una svolta clamorosa, se vince Cuperlo resta tutto come adesso. Se vince Renzi c'è un po' di ambiguità». Civati ha detto di avere già preparato i discorsi per ogni evenienza: in caso di vittoria di Cuperlo, di Renzi, di Renzi con meno del 50% e anche nell'eventualità della sua vittoria. Se sarà Civati a vincere, come ha promesso in radio a Fabio Volo, ci sarà però anche «un effetto sbronza».​

BUONA L'AFFLUENZA ALLE 13 - «980mila. Grazie»: così il responsabile organizzazione del Pd, Davide Zoggia, in un tweet rende noto il dato dell'affluenza alle 13.

PRODI VUOLE IL VOTO - "La situazione è tale che penso sia opportuno andare al voto". Così Romano Prodi, intervistato da Tgcom24 in occasione della sua partecipazione al voto per le primarie Pd. "Si sentono troppe voci sul fatto che il sistema abbia problemi, quindi è meglio ripartire", ha aggiunto il Professore.

CIVATI IRONICO - "Non so, detta così è inquietante, devo pensarci un po': forse mi ritiro...". Lo ha detto Pippo Civati rispondendo scherzosamente a chi gli chiedeva se un dualismo Renzi-Civati potesse essere la nuova versione del dualismo D'Alema-Veltroni dei vecchi Ds. "Veltroni e D'Alema in realtà erano molto più simili tra loro di quanto lo siamo io e Renzi", ha affermato Civati, appena arrivato a Firenze.

RENZI A FIRENZE - Il sindaco di Firenze ha acceso l'albero di Natale in piazza Duomo a Firenze, facendosi largo tra la ressa di giornalisti, e si è poi "rinchiuso" nel suo quartier generale di via Martelli (GUARDA IL VIDEO).

SUPERATI I DUE MILIONI AL VOTO - L’affluenza al voto per le primarie del Pd supera i due milioni. Il dato rilevato alle 17 già conferma questa tendenza: "Un risultato che abbiamo ottenuto soprattutto negli ultimi giorni - ha spiegato il responsabile dell'organizzazione - con la decisione della Consulta sul sistema elettorale e con il ritorno di Romano Prodi tra gli elettori delle primarie". "Per una settimana abbiamo dovuto dire che non sarebbe stato un flop e che puntavamo a superare di parecchio i due milioni. Li abbiamo superati, ci sono code dappertutto, e si va verso quella cifra sulla quale avevamo scommesso". Lo scrive sul suo blog Pippo Civati. «Dai nostri dati al comitato abbiamo già superato i 2.100.000 votanti». E' il dato che la renziana Maria Elena Boschi dà su Twitter.

letta primarie-2

(Enrico Letta ha votato a Roma - foto Twitter @lauracarcano)

TUTTE LE INFORMAZIONI SUL VOTO

La curiosità - Alle primarie Pd si vota anche nel seggio-igloo più alto d'Italia sul ghiacciaio Presena, a quota 2600 metri, nel complesso sciistico dell'Adamello (Brescia) 

primarie presena-2

(foto Twitter @ost50)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie - Renzi, Cuperlo, Civati: chi si prende il Pd? LA DIRETTA

Today è in caricamento