rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Politica

"Comprò voti per l'assessore": chiesti sedici anni per il boss

Il pm della Dda di Milano ha chiesto sedici anni di carcere per Alessandro Gugliotta, affiliato alla 'ndrangheta, che avrebbe organizzato e portato avanti una raccolta voti per l'elezione di Domenico Zambetti

MILANO - Sarebbe stato lui ad avere organizzato e portato avanti la "raccolta voti" per le Regionali lombarde del 2010 a favore dell'ex assessore regionale Domenico Zambetti, arrestato nell'ottobre del 2012 con le accuse di voto di scambio, corruzione e concorso esterno in associazione mafiosa. Così, il pm della Dda di Milano ha chiesto per Alessandro Gugliotta sedici anni di carcere. 

E' l'ultima novità del procedimento in corso davanti al gup di Milano nel quale sono imputate circa quindici persone. Alcuni, come Gugliotta, hanno scelto il rito abbreviato. Altri, fra i queli lo stesso Zambetti e l'ex sindaco di Sedriano, comune sciolto per infiltrazioni mafiose, sono in fase di udienza preliminare. 

Per loro, dunque, il gup dovrà decidere se accogliere o meno la richiesta di processo già ribadita in aula dal pm nelle scorse udienze. Oggi, intanto, è stata la volta dei difensori di Zambetti. L'ex assessore si è ancora una volta difeso sostenendo di non aver mai comprato i voti delle cosche, denunciando anzi di aver subìto minacce e di essere stato costretto a pagare e a fare promesse e favori. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Comprò voti per l'assessore": chiesti sedici anni per il boss

Today è in caricamento