rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Processo Ruby / Milano

Ci sono le elezioni: sentenza del processo Ruby dopo il voto

I legali di Berlusconi hanno chiesto il rinvio del procedimento dopo il voto. I giudici decidono però di andare avanti. Ma requisitoria e sentenza ci saranno solo a urne chiuse: gli avvocati del leader Pdl sono candidati

La requisitoria del pm e la sentenza del processo Ruby rischiano di slittare dopo il voto del 25 febbraio. Il motivo ufficiale, stando a quanto spiegato dal presidente Giulia Turri, sono "impegni del collegio giudicante con altri processi".

In realtà questa decisione sarebbe una sorta di mediazione rispetto alla richiesta - da una parte - dei legali di Silvio Berlusconi, che nel processo è accusato di concussione e prostituzione minorile, di rinviare tutto a dopo le elezioni e la comunicazione - dall'altra - del pm Ilda Boccassini che si dice pronta a fare la requisitoria in tempi brevi.

"FERMARSI FINO AL VOTO" - Gli avvocati di Silvio Berlusconi Niccolò Ghedini e Piero Longo hanno chiesto ai giudici del processo Ruby di sospendere il processo e di rinviarlo a dopo le elezioni perché entrambi sono candidati uno al Senato e l'altro alla Camera.

"Nel caso che la richiesta fosse respinta - ha poi spiegato Ghedini ai giornalisti - potremo eventualmente decidere di rimettere il mandato perché un avvocato può stare nel processo se ciò è utile ma noi siamo costretti a scegliere tra fare la campagna elettorale o fare i difensori nel processo e ciò è molto grave".

"In passato - aveva detto Ghedini - nel 2001, nel 2006, nel 2010 i processi a Silvio Berlusconi sono sempre stati sospesi in occasione dell campagna elettorale con il parere favorevole della procura della Repubblica. Ora no e questo è molto grave. Il Tribunale nel caso decidesse di andare avanti si assumerebbe le sue responsabilità".

DATE - La sentenza a carico di Silvio Berlusconi per il caso Ruby è prevista, allo stato dei fatti, per l'11 marzo prossimo, a elezioni già concluse. Ma potrebbe slittare ulteriormente se il tribunale decidesse di sospendere le udienze per la campagna elettorale. Il calendario delle udienze al momento prevede il 28 gennaio l'audizione della mamma di Ruby, l'11 febbraio la requisitoria. Altre udienze indicate sono il 4 e l'11 marzo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ci sono le elezioni: sentenza del processo Ruby dopo il voto

Today è in caricamento