rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
La misura

Prorogate di un anno le concessioni dei balneari 

"Sempre più vicini a una procedura di infrazione da parte dell'UE" attacca Angelo Bonelli, deputato di Alleanza verdi e sinistra

In arrivo la proroga di un anno per le concessioni balneari. "Al termine di un percorso di ascolto con le associazioni maggiormente rappresentative del comparto balneare, Fdi ha preso atto della richiesta maggioritaria di procedere, all'interno del Dl Milleproroghe, con una proroga delle concessioni di un anno rispetto ai termini stabiliti dal ddl Concorrenza e pertanto sosterrà gli emendamenti di maggioranza che vanno in questa direzione", dice Gianluca Caramanna, deputato e responsabile Turismo di Fratelli d'Italia.

"Fratelli d'Italia ha inoltre affidato ai relatori di maggioranza Alberto Balboni e Dario Damiani due ulteriori proposte di modifica di fondamentale importanza. La prima - spiega - chiede di prorogare di ulteriori cinque mesi la delega al Governo per la sola mappatura del demanio marittimo, fluviale e lacuale. Ciò si rende necessario ai fini di verificare compiutamente lo stato di uso della risorsa pubblica, sia sul piano amministrativo che su quello della disponibilità di nuove aree concedibili. La seconda proposta di modifica è volta a impedire che, in assenza di criteri definiti, i Comuni e gli altri enti concedenti deliberino in autonomia l'indizione di procedure di evidenza pubblica, anche al fine di prevenire ulteriori contenziosi".

"Il percorso intrapreso, pur non ancora risolutivo, evidenzia la chiara volontà politica di Fdi e delle forze di maggioranza a difesa delle aziende del comparto. A questo dovrà seguire un'ulteriore fase di interlocuzione con la Commissione Europea con l'obiettivo di arrivare a una soluzione definitiva dell'annosa vicenda", conclude Caramanna.

"Manovra che tutela privilegiati ed evasori"

All’attacco il deputato di Alleanza Verdi e sinistra italiana Angelo Bonelli, che parla di una manovra che tutela i privilegiati e gli evasori. "Il Governo Meloni, con questa azione, ci sta portando sempre più vicini a una procedura di infrazione da parte dell'UE. Ma soprattutto, vediamo ancora una volta che questo governo protegge i privilegi di chi paga poche migliaia di euro per concessioni che generano fatturati di milioni di euro l'anno. Ad esempio, lo stabilimento Twiga di Briatore e Santanchè paga solo 18.000 euro all'anno allo Stato, mentre fattura 4 milioni di euro. Il fatturato delle concessioni demaniali marittime in Italia è di circa 7 miliardi di euro l'anno, ma allo Stato arrivano solo poco più di 100 milioni di euro l'anno, con un'evasione superiore al 50%. Questa proroga è l'ennesimo regalo di questo governo a chi vuole speculare sulle risorse naturali e sul patrimonio demaniale dello Stato", conclude Bonelli.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prorogate di un anno le concessioni dei balneari 

Today è in caricamento