rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Lavoro / Roma

Video e foto: la "rabbia Alcoa" arriva a Roma

I caschi blu sardi hanno manifestato per le vie della Capitale, da Fontana di Trevi fin sotto allo Sviluppo economico, mentre nel ministero si decideva del loro futuro. Alla fine, tutto rimandato. E la protesta è destinata a crescere

E' stato un presidio ad alta tensione quello che si è svolto a Roma davanti al Ministero dello Sviluppo economico. La protesta che ha bloccando la zona di via Veneto è degli operai sardi dell'Alcoa.

Davanti al cancello della sede del ministero è stato sparato un petardo mentre un gruppo di lavoratori si è arrampicato al cancello di ingresso del ministero che è chiuso e protetto dalle forze dell'ordine in assetto antisommossa.

Operai Alcoa in protesta a Roma

VIDEO

1 - La rabbia sarda arriva fin sotto al Ministero


2 - Operaio si arrampica sul cancello ma sviene: salvataggio live


3 - Fine dell'incontro: nulla di fatto. Lavoratori infuriati



I lavoratori, al grido "lavoro, sviluppo, occupazione" hanno così vigilato sull'incontro tra governo ed enti locali sulla vertenza dello stabilimento sardo che produce alluminio e che potrebbe essere spento dalla multinazionale americana tra pochi giorni.

Alla fine, niente di fatto. Decisioni rimandate. E protesta destinata a crescere.

La nota del ministero - "La multinazionale svizzera ha confermato il proprio interesse a discutere della questione Alcoa - secondo quanto spiega una nota del ministero dello Sviluppo economico - chiedendo chiarimenti in merito alle condizioni di contesto come costo dell'energia, condizioni infrastrutturali e ambientali. Il governo, la Regione e la Provincia hanno fornito le informazioni richieste. Su questa base, Glencore si è riservata di fornire le proprie valutazioni entro una settimana. I rappresentanti delle istituzioni hanno sollecitato Glencore a completare nei tempi previsti questa prima fase".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Video e foto: la "rabbia Alcoa" arriva a Roma

Today è in caricamento