Lunedì, 27 Settembre 2021
Politica Palermo

"Dopo il no alle olimpiadi il no al referendum", Raggi scalda la platea del M5S a Palermo

Il sindaco di Roma interviene alla kermesse pentastellata a Palermo: "Siamo più uniti che mai, il futuro è nelle nostre mani libere. Io non mollo. Con il no al referendum vedranno la loro fine"

"Che bello vedere che siamo uniti. Loro ci dipingono come una squadra di persone divise, come se avessimo un sacco di problemi, e invece non è vero. Siamo più uniti che mai in questo momento storico. E lo devono vedere, lo devono sapere. Siamo in tanti. E' bellissimo". Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, prendendo la parola a Italia 5 Stelle, in corso a Palermo.

"Dobbiamo lavorare sull'ordinario. Abbiamo trovato una città devastata. A Roma non c'è nulla che funziona", ha anche affermato la sindaca. "Noi non dobbiamo perseguire il consenso, ma ciò che serve. Gli obiettivi di chi ci governava era quello di trovare consenso,accontentare le lobby costruendo bacini di voti. Ma - ha aggiunto Raggi - il disastro lo vediamo tutti. Dobbiamo tornare a fare ciò che serve. Per questo facciamo paura, perché abbiamo le mani libere. Non dobbiamo dire niente a nessuno, se non ai cittadini". E ha proseguito: "Quando abbiamo detto no alle Olimpiadi hanno avuto paura. Hanno tremato per il no alle Olimpiadi. Con il no al referendum vedranno la loro fine. Devono capire - ha scandito - che è arrivata la loro fine. Possono usare le parole che vogliono".

"Se siamo qui dobbiamo ringraziare due pazzi visionari e sognatori, Beppe e Gianroberto che hanno saputo trasformare la rabbia dei cittadini in qualcosa di molto bello, positivo nel nostro movimento. hanno saputo dare vita e concretezza ad un sogno e dobbiamo ringraziarli portando avanti questo sogno. Ciascuno di noi deve far qualcosa per portare avanti e rendere concreto questo sogno. e io sono con voi. Dobbiamo ringraziare le persone che quotidianamente ci sostengono. Il futuro è nelle nostre mani libere. Io non mollo. Ma non dovete mollare neanche voi. Andiamoci a prenderci Palermo, la Sicilia, l'Italia, tocca a noi". Al pubblico che, ascoltandola scandiva "Onestà! Onestà!", la Raggi ha replicato: "Loro hanno paura di questa parola!"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dopo il no alle olimpiadi il no al referendum", Raggi scalda la platea del M5S a Palermo

Today è in caricamento