rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica Italia

Referendum, il 4 dicembre si vota la riforma della Costituzione: la guida

Referendum, il 4 dicembre 2016 si vota per approvare la riforma costituzionale del Governo Renzi. Le ragioni del sì e le ragioni del no alla Riforma Boschi. Quorum, ricorsi e polemiche: la guida di Today al referendum costituzionale del 4 dicembre 2016

Il 4 dicembre gli italiani saranno chiamati alle urne per approvare o bocciare con un sì o con un no il referendum confermativo sulla Riforma costituzionale approvata con una maggioranza inferiore ai due terzi del Parlamento.  

Il referendum del 4 dicembre è il terzo referendum costituzionale della storia della Repubblica italiana. Il primo è del 2001: gli italiani, con un’affluenza di circa il 34 per cento, confermarono la modifica del Titolo V della Costituzione, voluta dal governo D’Alema, che attribuiva più poteri alle Regioni. Il secondo è del 2006: prevalse il “no”, con un’affluenza del 52,5 per cento, e venne respinto il progetto di riforma costituzionale, proposto dal governo Berlusconi, che prevedeva una serie di cambiamenti nell'assetto istituzionale nazionale della seconda parte della Costituzione in senso federalista.

REFERENDUM, ITALIANI AL VOTO: LA DIRETTA DI TODAY

Se vincessi il "sì", la Riforma Boschi entrerebbe in vigore il giorno seguente a quello della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale ma la maggior parte delle disposizioni troveranno applicazione dalla prossima legislatura.

Per cosa e come si vota

La riforma costituzionale modifica 49 articoli della Costituzione, riformando completamente il Senato e l'organizzazione del Parlamento e il titolo V relativo alla disciplina delle Regioni, abolisce le Province e abolisce il Cnel.

Per il referendum confermativo non è richiesto il quorum di validità La data fissata, non senza polemiche, dal Governo Renzi, dopo che l'ufficio centrale della Corte di Cassazione ha ammesso l'8 agosto 2016 la richiesta di referendum sul testo di legge costituzionale approvato dal Parlamento lo scorso aprile. 

Cosa cambia se vince il "Sì" e cosa succede se vince il "No"

REFERENDUM SULLA RIFORMA BOSCHI. Gli italiani saranno chiamati ad apporvare la riforma costituzionale del Senato e del Titolo V fortemente voluta dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, una riforma a cui il premier ha più volte legato la sua futura carriera politica trasformando la consultazione in un plebiscito sul presidente del Consiglio. Sia il presidente del Consiglio Matteo Renzi che il ministro per le riforme costituzionali Maria Elena Boschi hanno poi ritrattato sul nodo delle dimissioni, ma il fallimento del referendum metterebbe in seria difficoltà il governo.

QUANDO SI VOTA?

referendum quesito-2-2-2


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum, il 4 dicembre si vota la riforma della Costituzione: la guida

Today è in caricamento