Domenica, 21 Luglio 2024
Politica

Renzio Pilato non vuole il governo: "Chi ce lo fa fare?"

Tutti a parlare di staffetta con Letta a Palazzo Chigi, ma il segretario Pd "se ne lava le mani" e avverte il premier: "Serve una svolta vera, non voglio posti per ministri e sottosegretari"

ROMA - "Al governo senza voto? Ma chi ce lo fa fare?". C'è chi lo invoca chiedendogli di prendere in mano la situazione, ma Matteo Renzi smentisce i retroscena di un'imminente staffetta di governo con Enrico Letta, senza tuttavia cancellare le incognite che pesano sull'esecutivo.

"Nessuno di noi ha chiesto di prendere il governo", ha ribadito il segretario del Partito democratico intervistato in esclusiva da Agorà su Rai3. "Io dico: è stato preso un impegno di 18 mesi per fare certe cose e Letta ha detto che ci farà sapere cosa intende fare. Il presidente del Consiglio ha oneri e onori, a lui il compito di dire cosa ha funzionato e cosa no". E poi: "Non dirò mai che voglio posti per ministri o sottosegretari, non farò nessuna lista della spesa".

Niente staffetta, dunque, ma un cambio di passo sì. Per il sindaco di Firenze le possibilità a questo punto sono tre: "Andare avanti con il governo Letta, che dura 18 mesi, oppure elezioni, o col Consultellum o con l'Italicum. Terza ipotesi, la legislatura va avanti fino al 2018 ma allora si fa la riforma dell'Italia".

Letta, intanto, è pronto all'incontro al Colle: il premier è al lavoro sul dossier "Impegno 2014", al quale dedicherà anche la giornata di lunedì per essere pronto a incontrare il capo dello Stato nel primo giorno utile a partire da martedì. Occupazione, politica fiscale, sburocratizzazione e legalità sono i temi intorno ai quali si articolerà il nuovo contratto di coalizione, che avrà anche una tempistica dettagliata nell'arco dell'anno. Su questo fronte, il presidente del Consiglio è pronto anche a prendere un'iniziativa chiara. E se il lavoro su "Impegno 2014" è quasi terminato, il dossier sulla riorganizzazione della squadra di governo è invece aperto. La via più semplice sarebbe quella del mini-rimpasto, mentre un ragionamento più ampio sarebbe necessario per un rimpasto vero e proprio. Il tema sarà comunque discusso durante l'incontro con Napolitano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Renzio Pilato non vuole il governo: "Chi ce lo fa fare?"
Today è in caricamento